Mountain Lion, un bug nella gestione di alcuni HD esterni di grandi dimensioni?

Alcuni utenti di OS X 10.8.x Mountain Lion lamentano un bug che impedisce l’acceso alle partizioni di dischi rigidi di grandi dimensioni (da 2 o più TB). In attesa che Apple risolva l’inconveniente, un suggerimento che potrebbe consentire di risolvere il problema.

C-Net nota che alcuni utenti di OS X 10.8.x Mountain Lion lamentano un bug che, in alcuni casi, impedisce di accedere alle partizioni di dischi rigidi esterni di grandi dimensioni (da 2 o più TB), un problema serio poiché in molti usano HDD capienti per memorizzare librerie di iPhoto, iTunes, i backup di Time Machine e dati vari. Quando il problema accade, i drive diventano inaccessibili; verificando la partizione incriminata con Utility Disco, compare il seguente messaggio di errore: “Error: Partition map repair failed while adjusting structures to fit current whole disk size” dal quale si presume la presenza d’inconsistenze nella struttura delle partizioni.

In alcuni casi, il drive, dopo essere stato ripartizionato e inizializzato, torna a funzionare correttamente, ma in altri l’app Utility Disco di Mountain Lion non funziona, nonostante alcuni utenti siano riusciti a creare partizioni e inizializzare i drive senza problemi con le precedenti versioni del sistema operativo. Anche inizializzando i drive con una precedente versione del sistema e utilizzandolo su OS X 10.8.x, il drive dopo qualche tempo genera problemi. In attesa che Apple risolva il problema, i consigli possibili sono: sostituzione del drive esterno con un dispositivo di diversa marca e modello (non tutti, infatti, sembrano affetti dal problema), utilizzo di tool per la gestione dei drive alternativi (DiskWarrior, TechTool Pro, DriveGenius), disabilitazione dalle Preferenze di Sistema dello stop del disco rigido nella sezione “Risparmio Energia” (opzione “Metti in stop i dischi rigidi quando possibile”): secondo alcuni il problema, infatti, potrebbe avere a che fare con quest’opzione. Vi comunicheremo eventuali novità, appena ne sapremo di più.

[A cura di Mauro Notarianni]