Open HyperCard?

HyperCard era un intuitivo sistema di programmazione nato nel 1987 dalla fervida mente di Bill Atkinson (ora si dedica allafotografia) e distribuito gratuitamente su ogni Mac di quell’epoca (poi costo’ 250 dollari).
Adatto non solo programmazione di database, qualcuno lo definisce come una semplice e poco costosa alternativa a Macromedia Director nel campo della produzione di CD-Rom interattivi.
Dalla pagina a questo prodotto dedicata sul sito di Apple si respira solo aria vecchia, non solo il prodotto non viene piu’ aggiornato da anni ma nemmeno c’e’ la benche’ minima intenzione di rinfrescarlo almeno graficamente, il look della scatola e’ quella di alcuni lustri fa e pure il sito ha l’aspetto austero dei tempi pre-iMac.
Col ritorno di Jobs alla Apple, HyperCard fu “messo in condizione di non nuocere piu'”, o meglio non nuocere piu’ motivando la scelta con questa frase: “nessun beneficio finanziario”.
Nonostante cio’ le impolverate scatole (un po’ retro’) di HyperCard 2.4.1 (ultimo aggiornamento nel gennaio 1998) sono ancora vendute sull’AppleStore.
Da qui puo’ nascere spontanea la domanda: “perche’ non rilasciarlo come un progetto open source”?
Oltrettutto la “filosofia” degli stack di HyperCard si sposa alla perfezione con questa richiesta.
In attesa delle decisioni di Apple, un valido successore di HyperCard sembra essere SuperCard.

Offerte Speciali

Come acquistare MacBook Air M1 a rate su Amazon con carte ricaricabili

Mac Book Air M1 256 GB ancora al minimo storico, 899 €

Il modello di MacBook Air M1 nella versione grigio siderale con disco da 256 GB torna al minimo su Amazon. A 899 Euro. Prezzo più basso mai raggiunto con sconto del 19%.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,976FollowerSegui