Recensione Buffalo Drivestation Duo, l’archivio semplice

Abbiamo provato la soluzione semplice di Buffalo per il RAID su USB 3.0: luci e ombre, ma la soluzione è affidabile.

Negli ultimi anni Apple ha prodotto diversi modelli di Mac, generalmente molto diversi da loro ma tutti accumunati da una costante orizzontale: l’archiviazione verte sempre verso l’esterno, e nonostante alcuni modelli come l’iMac possano essere acquistati con un disco interno da 3TB, quantità di tutto rispetto ancora oggi, è chiaro che per la maggior parte dei modelli (specialmente per quelli equipaggiati con costose unità Flash) l’archivio di dati deve giocoforza passare per un drive esterno, e nonostante le possibilità del cloud e dei dischi NAS sempre più potenti e versatili, quando si tratta di velocità e praticità una connessione locale appare la più ovvia.

Tra le numerose proposte del mercato abbiamo voluto testare la soluzione di Buffalo, il modello Drivestation che, nonostante qualche anno alle spalle, offre ancora caratteristiche di rilievo per il mercato e una connessione USB che apre ad un range che copre praticamente tutti i modelli di Mac o PC attualmente in commercio.

_DSC0652

Drivestation calimero

Abbastanza piccolo per essere un doppio disco da 3.5”, il Drivestation si tira fuori dalla scatola ed è un piccolo parallelepipedo nero: basta collegare il cavo USB 3.0 (retrocompatibile 2.0), collegare l’alimentazione ed è fatta. Il disco è visto immediatamente dal Mac, e anche in queste condizioni è già gestibile direttamente: il taglio da noi provato era quello da 2 TB, contenente due dischi da 1 TB l’uno, ma sono disponibili anche tagli più grandi da 4, 6 e da 8 TB (2+2, 3+3 e 4+4): i dischi interni nella nostra configurazione sono Seagate Barracuda, modello SATA da 7200 Rpm, è molto probabile che questi modelli equipaggino anche i tagli superiori.

Una volta installato, il disco è gestibile tranquillamente da Utility Disco per la formattazione (noi abbiamo optato per il formato HFS+, per ottimizzare la velocità con il nostro Mac), mentre per la gestione più dettagliata del formato RAID e del modo in cui il device vede i dischi interni, è disponibile una Utility un po’ spartana ma funzionale direttamente dal sito Buffalo, dal quale abbiamo anche scaricato una seconda Utility per l’aggiornamento del Firmware, eseguito in modo silenzioso in un paio di minuti.

L’utility per il Raid permette la gestione delle due unità disco: gli stati possibili sono RAID 0, nel quale i due dischi sono visti come un unico volume, che massimizza le prestazioni perché i dischi leggono e scrivono contemporaneamente e gestiscono ognuno metà dei dati, RAID 1 dove un disco è utilizzato per la scrittura diretta dal Mac e l’altro che copia specularmente i dati, in modo che alla rottura di uno dei due l’utente possa operare con l’altro sino al cambio del disco rotto. Infine, la modalità normale nella quale il disco mostra due volumi distinti.

La sostituzione di uno dei dischi, in caso di rottura (o di cambio, con il tempo sarebbe possibile anche passare a volumi maggiori), basta aprire lo sportellino frontale e grazie agli anelli estrarre i dischi semplicemente tirandoli. Nella parte interna del pannellino è presente un piccolo schema che elenca le modalità di funzionamento in base ai due LED frontali, che si illuminano di verde o di rosso in base allo stato di dei dischi.

In tutti i casi, una volta formattato come HFS+ il disco è gestibile direttamente per tutti i servizi di OS X, incluso anche Time Machine.