Samsung Gear VR, il visore per la realtà virtuale esaurito in Corea e USA

Lanciato negli scorsi giorni il visore per la realtà virtuale Samsung Gear VR è andato esaurito in Corea e anche in USA. La multinazionale festeggia il successo ma il numero delle unità disponibili era limitato

Samsung Gear VR icon 1200

In questi giorni Samsung festeggia il successo di vendite di Samsung Gear VR, il primo visore commerciale per la realtà virtuale, lanciato in Corea e in USA e subito andato esaurito. Si tratta di una versione migliorata del visore Samsung Innovator Edition, lanciato fin dal 2014 per permettere agli sviluppatori di app e creatori di contenuti di realizzare video, giochi e software in grado di sfruttare la visione a 360° della realtà virtuale.

Per lo sviluppo e il completamento di Samsung Gear VR la multinazionale ha siglato un accordo con Oculus: offre ergonomia migliorata, è più leggero ed integra un sensore per rilevare rotazioni e spostamenti a bassa latenza, migliore rispetto ai sensori implementati negli smartphone che vengono invece sfruttati usando la realtà virtuale con il visore di cartone di Google.

https://www.youtube.com/watch?v=CjpGnh2PDoU

Il nuovo Samsung Gear VR è stato accolto molto calorosamente dal mercato perché permette di compiere i primi passi con giochi, video e contenuti a 360° con una spesa molto contenuta, circa 100 dollari per chi già possiede uno smartphone Samsung di ultima generazione: il visore infatti sfrutta lo schermo e la capacità di calcolo di Galaxy S6, S6 Edge, S6 Edge Plus e Note 5.

In USA Samsung Gear VR ha registrato il tutto esaurito fin dai preordini su Amazon e BestBuy, mentre in Corea le scorte sono state terminate in poche ore. L’accoglienza è positiva ma occorre anche tenere presente che le quantità al lancio sono state limitate: per la Corea si parla infatti di solamente 2.000 unità disponibili. La multinazionale ha dichiarato di essere al lavoro per soddisfare la richiesta nel minor tempo possibile.

Samsung Gear VR 1