Satya Nadella agli utenti iPad «Comprate un vero computer»

Satya Nadella approfitta del tour mondiale per presentare il suo nuovo libro per lanciare qualche frecciata a Cupertino. Ai giornalisti muniti di iPad consiglia di comprare un vero computer, poi spiega perché Microsoft è diversa da Apple

Satya Nadella è impegnato in un tour mondiale per la presentazione del suo ultimo libro, un intenso programma di viaggi e trasferte costellati da interviste in cui il Ceo solitamente pacato ha deciso di mettere in pausa la sua proverbiale attitudine al politically correct per lanciare qualche frecciata in direzione dei concorrenti, in primis Apple.

All’incontro in India con due giornalisti di TechRadar, il Ceo di Microsoft si è presentato con un gran sorriso: dopo qualche istante si è rivolto in tono amichevole all’intervistatore con una battuta scherzosa ma mirata «Dovresti procurarti un vero computer, amico mio» un consiglio suggerito dal fatto che entrambi i giornalisti erano muniti di iPad.

satya nadella microsoft
hit refresh satya nadellaIn questo settore e non solo il tablet Apple è spesso scelto perché offre grande versatilità, il tutto concentrato in un dispositivo molto più leggero e compatto di un computer portatile. L’impiego di iPad in sostituzione del notebook è stato suggerito spesso anche da Apple tramite materiale di marketing, documentazione, sito web e diverse campagne pubblicitarie.

La seconda frecciata ad Apple invece non è una battuta: nel corso dell’intervista Satya Nadella spiega filosofia e strategia adottati per cambiare Microsoft e la percezione della multinazionale da parte di utenti e mercato, tutti argomenti trattati nel suo ultimo libro Hit Refresh, disponibile in diverse edizioni anche su Amazon.

«Non voglio togliere nulla a qualsiasi successo ottenuto da Apple o Google. Siamo società molto diverse. Non siamo una specie di intermediario nel mercato. Siamo creatori di strumenti, non siamo un costruttore di beni di lusso» un riferimento nemmeno troppo velato a Cupertino. «Stiamo creando tecnologie in modo che altri possano costruire».