ScreenFloat cattura le schermate su Mac e le trasforma in post-it virtuali

ScreenFloat è una utility per catturare le schermate su Mac al volo in varie finestre fluttuanti che somigliano a post-it. Permette di memorizzare i file in una libreria ad hoc e gestire tag semplificando la ricerca e il salvataggio in vari formati

ScreenFloat è l’ultima versione di una comodissima utility per Mac che semplifica le procedure di cattura e conservazione di qualsiasi schermata. È possibile catturare al volo qualsiasi screenshot (per default con la combinazione di tasti cmd-shift-2) e questo viene istantaneamente trasformato in una sorta di post-it che fluttua sullo schermo.

Al volo è possibile salvare il file, condividerlo, copiarlo in memoria, stamparlo, inviarlo a una applicazione e così via. Le immagini possono essere archiviate in un browser ed etichettate con i tag, raccolte in “collection” e “collection smart” che consentono di semplificare la ricerca, visualizzate con vari livelli di ingrandimento.

Dopo l’installazione del programma, un’icona specifica appare nella barra dei menu. Da qui è possibile richiamare il browser delle immagini, nascondere/visualizzare i “post-it” fluttuanti con le schermate catturate, richiamare le Preferenze. Dalle Preferenze è possibile creare nuove scorciatoie di tastiera, scegliere il formato di esportazione di default (JPG, TIFF, PNG), scegliere l’azione da eseguire con il doppio click (es. l’invio ad Anteprima), abilitare o meno l’uso degli Spazi con finestre aperte di macOS.

ScreenFloat 1.5.14 richiede OS X 10,7 o seguenti, “pesa” 4.2MB ed è in vendita a 9,99 euro sul Mac App Store. Dal sito dello sviluppatore è possibile scaricare una versione dimostrativa.

ScreenFloat