Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Voci dalla Rete » SIRI cinese: «Piazza Tienanmen? Boh?»

SIRI cinese: «Piazza Tienanmen? Boh?»

Pubblicità

«Piazza Tienanmen? Non c’ero. E se c’ero dormivo. Anzi, non so neppure di che cosa tu stia parlando». Siri non risponde proprio così quando le si chiede nella sua impersonificazione cinese qualche informazione su che cosa è accaduto il 4 giugno 1989 nella centrale piazza di Pechino, ovvero quando si tratta di fare cenno alla manifestazione studentesca chiusa con la repressione da parte del governo, ma poco ci manca.

A mettere alla prova quella che potremmo definire la “libertà” di pensiero del programma di sintesi vocale sono stati alcuni utenti di Twitter, citati dal Wall Street Journal. Alla domanda: «Sai che cosa è l’incidente di Tienanmen?» SIRI risponde: «Non trovo nessun appuntamento relativo a “sai che cosa è l’incidente di Tienanmen”». Se si insiste e si chiede a SIRI: «Che cosa è successo il 4 giugno 1989», la risposta è anche più curiosa: «Mi dispiace, la persona che cerchi non è nella tua rubrica indirizzi». Questa strana incapacità di comprendere domande che contengono la parola Tienanmen diventa forse meno strana se si prova a cercare il percorso per arrivare a piazza Tienanmen; SIRI non pare essere in grado di trovare la piazza.

Le ipotesi sulle ragioni di queste amnesie ed ignoranze storiche e geografiche possono essere diverse; si va da quelle più complottiste secondo le quali il Governo Cinese avrebbe chiesto ed ottenuto da Apple un controllo sull’intelligenza del sistema di riconoscimento vocale per evitare che diventi uno strumento di propaganda politica, a quelle che attribuiscono il tutto al fatto che SIRI in cinese sia ancora alla fase beta e le sue funzioni sono ancora largamente incomplete. Forse però la verità potrebbe stare nel mezzo; Apple per far funzionare SIRI si serve di sistemi di ricerca, database pubblici e banche dati specializzate che in alcuni casi sono basate negli USA e in altri sono localizzate. È noto che il Governo cinese ha imposto ad alcuni grandi operatori (Google incluso) restrizioni su alcuni tipi di informazioni che possono essere fatti giungere ai clienti che risiedono nel suo paese e non è da escludere che uno di questi filtri, colpisca proprio alcuni sistemi interrogati da SIRI.

piazza tienanmen

 

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

I nuovi iMac con chip M3, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.3

Sconto del 24% su iMac M3, solo 1412 € per versione 8+10 core

Su Amazon va in sconto va al minimo l'iMac con processore M3 in versione base. Lo pagate 330 euro meno del suo prezzo di listino nella configurazione con 256 GB di disco, CPU 8-core e GPU 10-core, solo 1412 €, riobasso del 24%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità