ThunderMag promette di far tornare la magia del MagSafe sui MacBook Pro

Nei notebook più recenti Apple ha eliminato MagSafe, il “magico” connettore magnetico che permetteva di ricaricare i portatili in modo semplice e sicuro. Un progetto su Kickstarter promette di far tornare la magia del MagSfae.

ThunderMag

Se c’è un elemento dei vecchi MacBook, MacBook Air e MacBook Pro che tanti utenti ancora rimpiangono, questo è sicuramente il MagSafe, il connettore di alimentazione magnetico di Apple, studiato specificamente per gli utenti mobili.

Questo connettore rendeva semplice ricaricare la batteria del portatile: l’aggancio tra il cavo di alimentazione e i MacBook era infatti magnetico. Se il cavo viene sottoposto a una qualsiasi sollecitazione, MagSafe si stacca immediatamente dal computer, scongiurando il rischio di caduta dal piano d’appoggio, utile se, ad esempio, qualcuno strattona inavvertitamente il filo.

Nei notebook più recenti Apple ha eliminato questo connettore “magico”, reso superfluo dalle connessioni USB-C e Thunderbolt 3 (attacco USB-C). I nuovi MacBook, MacBook Air e MacBook Pro integrano cavi di ricarica e alimentatori USB-C. Queste connessioni offrono vari vantaggi ma il cavo di alimentazione non si stacca automaticamente in caso di sollecitazione, una scelta che gli utenti Mac di vecchia data faticano a comprendere, coscienti della semplicità, eleganza ed efficacia del vecchio connettore MagSafe.

Varie aziende hanno tentato di offrire qualche accessorio in grado di restituire la “magia” del MagSafe: il BreakSafe di Belkin, lo Snapnator e l’ultimo arrivato si chiama ThunderMag. Si tratta di un modulo di piccole dimensioni con un lato da collegare stabilmente al connettore USB-C del Mac e l’altro al cavo di ricarica. Il connettore da collegare al capo del cavo di alimentazione, integra un meccanismo magnetico sulla falsariga di quello che offriva MagSafe. I vantaggi sono ovvi: in caso si tira accidentalmente il cavo di alimentazione, il computer rimane saldo nella sua posizione, evitando brutte cadute e danni. Rispetto ad accessori concorrenti, il ThunderMag ha un grande vantaggio: supporta direttamente Thunderbolt 3 (fino a 40 Gbit / s) e una potenza di 100 watt, sufficiente per ricaricare qualsiasi MacBook Pro senza problemi.

Resta da capire se e quanto l’accessorio effettivamente funzionerà. Se le promesse saranno mantenute, merita probabilmente l’acquisto. Per il momento è una idea proposta su Kickstarter, il noto sito web americano di finanziamento collettivo per progetti creativi. Chi crede ora nell’idea può prenotarsi e ottenere l’accessorio per 39$. L’arrivo effettivo sul mercato è previsto per aprile.

ThunderMag promette di far tornare la magia del MagSafe sui MacBook Pro