TIM e Autogrill portano il Wi-Fi gratuito in autostrada

Grazie alla collaborazione tra Tim e Autogrill i viaggiatori potranno utilizzare il Wi-Fi gratis nelle aree di ristoro Autogrill lungo la rete autostradale italiana. Il servizio sarà esteso a 350 aree entro fine anno

Autogrill

Grazie alla collaborazione tra Tim e Autogrill questa estate i viaggiatori potranno utilizzare gratuitamente il Wi-Fi nelle aree di ristoro Autogrill presenti lungo la rete autostradale italiana. Grazie all’accordo tra le due società, a breve il servizio sarà reso disponibile nei primi 100 punti vendita e verrà esteso successivamente a tutte le aree interessate entro la fine dell’anno.

Il progetto Tim e Autogrill prevede complessivamente la copertura di circa 350 aree di sosta Autogrill con connettività Internet Wi-Fi basata sulle reti ultra broadband di TIM 4G, 4G Plus (dove già disponibile) e NGN. Il collegamento senza fili è erogato attraverso oltre 600 access point forniti da Cisco, partner tecnologico dell’iniziativa.

Tim e Autogrill

Wi-Fi gratis in espansione

Il nuovo servizio Tim e Autogrill, che si stima potrà essere utilizzato da circa 500mila clienti al giorno, sarà operativo nel periodo di maggior afflusso sulla rete autostradale nazionale, coincidente con la pausa estiva, a cominciare dai principali locali Autogrill come Chianti, il locale sulla A1 con il grande camino circolare posizionato al centro della sala.

Il Wi-Fi gratuito sarà attivo da subito anche a Secchia Ovest, nei pressi di Modena, dove di recente è stato inaugurato il primo “Eataly per Autogrill” e Villoresi Ovest, sulla Milano Laghi, con la caratteristica struttura a tripode e di fronte al quale, oggi, sorge Villoresi Est, con il riconoscibile tetto a forma cono, flagship ecosostenibile del Gruppo Autogrill.

I locali sono presenti lungo le autostrade A1, A14, Salerno-Reggio Calabria, Autobrennero, Autostrada dei Fiori e Auto Laghi, tipicamente più interessate dagli spostamenti verso le località di vacanza. Da questa pagina web è possibile consultare la mappa della copertura. Il progetto prevede la progressiva disponibilità del servizio anche negli store presenti in alcune grandi città e nelle stazioni ferroviarie.