fbpx
HomeMacityFuturoscopioUna nuova fibra ottica per migliorare le reti 5G

Una nuova fibra ottica per migliorare le reti 5G

La britannica British Telecom (BT) sta sperimentando l’uso di un nuovo tipo di fibra ottica che potrebbe essere la chiave di volta per migliorare significativamente le performance di attuali e future reti 5G.

Denominata “hollow core fiber” (fibra a nucleo vuoto), questa tecnologia permette ai dati di viaggiare fino al 50% più velocemente rispetto alla tradizionale fibra ottica sfruttata nelle reti di interconnessione 5G; questo è quanto dichiara Lumenisity, una startup nata dall’Università di Southampton che ha sviluppato la nuova fibra.

Lumenisity e BT hanno lavorato insieme nei laboratori dei fornitori di telecomunicazioni a Ipswich (il capoluogo della contea inglese del Suffolk, nel Regno Unito), facendo prove ed esperimenti con un cavo di 10 chilometri per capire le possibilità di uso in diversi contesti. Prevedibilmente, la bassa latenza nelle reti 5G, si è rivelata l’elemento che permetterebbe di rendere questa nuova tecnologia interessante.

BT non è ancora nella fase che prevede l’acquisto di grandi quantitativi di cavi di questo tipo per la distribuzione nelle reti di interconnessione e infrastrutture varie ma Andrew Lord, a capo della divisione BT che si occupa di ricerche in questo settore, spiega che gli ultimi mesi di sperimentazione hanno permesso di evidenziare risultati entusiasmanti.

Apple assume ingegneri per lavorare alla connettività wireless 6G

“Abbiamo fatto di tutto con queste fibre, le abbiamo messe in forno e maltrattate per verificare la robustezza”, ha spiegato Lord a ZDNet, evidenziando “notevoli proprietà, una delle quali è il 50% di velocità in più che è possibile ottenere rispetto alla fibra standard”.

Fibre di nuova generazione sono strettamente legate al 5G. Le performance della tecnologia 5G necessitano di una rete di interconnessione dei siti mobili ad alte prestazioni che abiliti questa evoluzione tecnologica; un’infrastruttura interamente in fibra ottica, diffusa in modo capillare, può soddisfare le nuove esigenze, garantendo velocità non di megabit ma di gigabit al secondo. In altre parole la fibra ottica può esistere senza il 5G, ma il 5G non può esistere senza la fibra ottica.

I ricercatori parlano di un grande passo dal punto di vista ingegneristico, dimostrando la fattibilità; rimangono da risolvere alcune problematiche, non ultima la diffusione capillare su larga scala con chilometri di cavi che permetteranno di sviluppare realmente un nuovo ecosistema.

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

Risparmiate 410 € su MacBook Pro M1 da 512 GB: 1299 euro

Su Amazon va ancora in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 410 euro per arrivare al prezzo minimo.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial