Giochi: ecco che cosa ci attende

di |
logomacitynet696wide

Dopo la grande abbuffata tra la fine dell’estate e i giorni prima di Natale, con titoli come SimCity 3000, Madden NFL 2000, Quake III, Unreal Tournament, Fly!, Tomb Raider III, il mondo dei giochi per Mac è andato in letargo. Poche le release e poco interessanti. Per giunta anche alcuni nuovi giochi che erano stati annunciati e il cui rilascio pareva imminente paiono essersi dileguati nel nulla. Per giunta nelle scorse settimane si sono incrociate notizie non propriamente confortanti tra cui la cancellazione di Pharao e quella dell’atteso Half Life. E’ dunque già  terminato il breve rinascimento del Macintosh come piattaforma ludica? La risposta è no anche se è bene subito precisare che al momento molti produttori stanno probabilmente rivalutando alcune scelte compiute nei mesi scorsi sulla scorta dell’entusiasmo del rilascio di iMac. Ma sulla scorta di una maggior accortezza sono molti i titoli di grande interesse che stanno bollendo in pentola.

In prima fila una serie di giochi tra l’inquietante, il macabro e il surreale guidati da Heavvy Metal F.A.K.K.

br>Destinato a chi cerca qualche cosa di realmente originale al di là  del solito sparatutto in 3D, il gioco, è ambientato nel mondo irreale e suggestivo di Heavvy Metal che molti lettori ricorderano per essere stato uno dei cartoni animati per adulti con maggior successo anni fa. Heavvy Metal 2: F.A.K.K. consente al giocatori di immergersi in un universo popolato da strani personaggi, amici e nemici, reso accuratamente dall’engine grafico di Quake 3. Nebbia in 3D, pioggia, transizione tra notte e giorno, fuoco e fumo, sono solo alcuni degli effetti che vengono supportati dal motore del gioco di ID. In aggiunta a ciò Ritual, che sviluppa il titolo, ha usato una tecnologia proprietaria per creare sugli oggetti textures estremamente realistiche e una profonda interazione con i personaggi e il mondo circostante. I personaggi utilizzano gli oggetti e la storia si modifica alle scelte del giocatore. Lo scopo del gioco viene raggiunta combattendo con una spada e un’arma da fuoco che si combinano per effetti devastanti sui nemici. Ma il personaggio principale, una donna chiamata Julie Strain, viene controllata in terza persona (come accade con la Lara Croft di Tomb Raider o la protagonista di Oni), deve anche essere in grado di cavarsela in alcune situazioni cercando soluzioni diverse. Per questo Heavvy Metal F.A.K.K. viene giudicato un ibrido tra un gioco di combattimento e un adventure.

La saga dei titoli ambientati in mondi se non altrettanto irreali, altrettanto inquietanti non si apre e non si chiude solo con F.A.K.K. In pentola bollono infatti una serie di giochi crepuscolari e truculenti di cui il capostipite è Nocturne .

Definito da qualcuno un X-Files ambientato negli anni ’30 il titolo è in corso di sviluppo da parte di Terminal Reality. Vagando tra cimiteri cripte, villaggi abbandonati i due protagonisti avranno a che fare con uomini lupo, vampiri e vampiresse, zombie e corpi putrescenti della più varia fatta e specie. Il giocatore controlla i personaggi (animati con la tecnologia “a scheletro”, ovvero modellati secondo la reale anatomia umana) in terza persona, l’ambiente è in 3D reale con nebbia e luci volumetriche. Il fine del gioco, che non si deve esitare a definire “gotico”, è percorrere 4 diversi livelli che coincidono con 4 diverse ambientazioni (da una città  fantasma del West fino all’abisso dell’inferno), trovare il bandolo della matassa dei misteri e interagire, con il dialogo o con le armi, con i personaggi che si incontrano nel corso della storia. Nocturne ha riscosso un enorme successo in ambiente PC quando è stato rilasciato lo scorso novembre (non a caso nei giorni di Holloween) tanto da spingere anche la CNN ad occuparsi del “caso” .

Atteso almeno quanto Nocturne è Summoner , un altro degli ormai immancabili giochi in terza persona a metà  tra un adventure game e un gioco di combattimento. In questo caso, a fronte di un gioco che ha comunque caratteristiche grafiche straordinarie, l’elemento di maggior attrattiva è la complessità  della storia che immerge il giocatore in un mondo medioevale costelato da magie e demoni. Nel ruolo di uno stregone con poteri magici, secondo in più classifici canoni dell’RPG, sarà  compito dell’utente guidare il protagonista al di fuori dei pericoli e a compiere la sua missione.
La data di rilascio sia di Nocturne che di Summoner non è stata ancora dichiarata ufficialmente anche se i produttori ipotizzano una finestra di tempo che va da luglio all’inizio dell’autunno.

Accanto a questi che si annunciato come veri e propri colossal anche alcuni titoli più tradizionali come Alien vs Predator . Presentato ormai tempo fa da Fox e dato come in corso di sviluppo se ne erano perse le tracce mesi fa. Ora, dopo un lungo periodo di silenzio, lo sviluppatore ha fatto sapere di essere a buon punto tanto che mancano solo alcuni ritocchi alla parte di gioco in rete e verrà  dichiarato in beta. Alien vs Predator è molto interessante per la qualità  dell’ambiente 3D e per gli effetti di luce oltre che per una costruzione che lo rende longevo consentendo di impersonare, a scelta, a parte dei due mostri che tanta popolarità  hanno riscosso al cinema oppure quella di un umano che combatte contro di loro. L’attesa non dovrebbe dunque, andare delusa anche perche Logicware ha anche fatto sapere che la versione per Mac avrà  caratteristiche e livelli non disponibili sulla versione per PC

Prima dell’estate dovrebbe fare la sua comparsa anche Diablo II . Il sequel del fortunato RPG di Blizzard è stato interamente ridisegnato in 3D e ora si basa per l’accelerazione sull’hardware. Luci volumetriche, effetti di trasparenza nuovi personaggi sono alcune delle caratteristiche principali. Sempre Blizzard, ma questa volta la notizia non è ancora ufficiale, intenderebbe proporre per Mac il erzo episodio di Warcraft t (probabilmente basato sul motore dello stesso Diablo II). Anche nello strano mondo che oppone orchi e umani accelerazione in 3D ed effetti speciali.
Sempre parlando di tradizione in cantiere e di giochi in prima persona ricordiamo che in cantiere ci sono due giochi basati sul collaudato motore di Quake II: si tratta di Heretic II e di Daikatana, quest’ultimo creazione di uno dei due padri di Doom (l’altro è Carmak, ora al lavoro per ID sulla serie Quake).

Altro gioco che si annuncia come un block buster, questa volta della nutrita serie che mescola RPG, prima persona e adventure, c’è Deus Ex mentre gli appassionati della serie Star Trek trepideranno per mettere le mani su Voyager: Elite Force.
.

Ci sono poi una serie di giochi di cui è certo che uno sviluppo Mac è stato iniziato ma di cui abbiamo perso le tracce. Zork Grand Inquisitor , ad esempio. L’ennesimo titolo della saga che dovrebbe rinverdire lo spirito ironico e surreale dei primi tempi, sarebbe terminato (e da parecchie settimane) ma anche in attesa che qualcuno (Activision o Sierra?) si decida a rilasciarlo. Di Interstate 76 invece, uno dei rarissimi giochi con corse d’auto (anche se qui si tratta di una corsa d’auto sui generis, visto che è ambientata nel deserto con macchine più simili a quelle di Mad Max che a vere quattroruote), non è saputo praticamente più nulla. Doveva essere presentato in autunno ma le notizie più recenti notizie datano all’estate.

Infine i due giochi più attesi degli ultimi mesi: Oni e Halo, ambedue di Bungie.
Il primo che, lo ricordiamo, è il primo gioco in stile manga per Mac, doveva essere presentato prima di Natale. Poi una serie di rinvii successivi di cui l’ultimo pare posticipare il rilascio addirittura a fine maggio. Non è chiaro che cosa sia successo in Bugie, solitamente molto puntuale nel rispettare le date prefissate anche se alcune voci parlano di difficoltà  con l’engine per il multiplayer. Quello che è certo è che ora il rischio è che il gioco, costruito quasi interamente usando nuove tecnologie e realizzando i livelli, addirittura, con un programma per il CAD, venga rilasciato già  invecchiato.

Differente il discorso per Halo. Sul gioco in terza persona che dovrebbe rivoluzionare il panorama ludico Bungie non ha mai detto moltissimo, tanto meno precisato date di rilascio. I pochissimi dettagli che si hanno si sono appresi in maniera frammentaria e lasciano supporre che fino a luglio/agosto nessuno dovrebbe farsi venire in testa strane idee e pensare di poterci mettere le mani sopra.