Il principe degli hackers

di |
logomacitynet696wide

Si è chiusa MacHack, la conferenza degli smanettoni del codice Mac che ogni anno presenta pazze e interessanti modifiche al sistema operativo. Tra chi ci ha provato anche Wozniack.

Si è chiusa con il consueto grande successo MacHack, l’annuale conferenza degli “smanettoni” del codice che nel corso di un happening di 72 ore modificano il codice del MacOs creando alcune pazze, inusuali ma a volte anche utili modifiche al sistema operativo.Tra le creazioni più notevoli, se non altro per la “dignità ” del suo inventore c’è stata quella di Steve Wozniack. “The Woz” ha presentato un hack che consente, una volta trascinato il disco nel cestino, di selezionare se cancellare il contenuto del disco o espellerlo.Tra le altre modifiche una delle più incredibili è stata “Apple Turnover” che fa letteralmente girare lo schermo mentre si lavora. Le prestazioni del sistema non sono abbattute grazie al fatto che il codice poggia su AltiVec per svolgere il compito di ruotare la scrivania.Interessante anche Light Sleeper, che fa pulsare una mela sullo schermo quando la macchina è in stop (con conseguente, però, aumento del consumo), e iTunes Dance Dock Plug In, che trasforma le icone del dock in sorta di cursori grafici, stile equalizzatore, mentre iTunes riproduce musica.Infine un applauso per lo spirito con cui uno degli hackers presenti ha affrontato la rottura dello schermo del suo portatile che proprio all’inizio della conferenza ha smesso di funzionare riproducendo solo un terzo della scrivania. Senza perdersi d’animo lo sfortunato utente Mac ha creato un hack che riproduceva la scrivania, ridimensionandola, solo in quell’area.