PDA, mercato stagnante

di |
logomacitynet696wide

Il mercato mondiale del PDA continua ad essere stagnante. Nonostante i passi avanti in fatto di tecnologia e la riduzione dei costi i computer da tasca non riprendono quota.

Il mercato dei dispositivi convergenti sta sempre più erodendo quello dei PDA veri e propri. Questa la conclusione cui si può giungere nello scorrere i dati di una ricerca sul secondo trimestre dell’€™anno stilata da IDC.

La società  che si occupa di indagini ha rilevato per gli i dispositivi da tasca ‘€œdata-centrici’€ un leggero incremento di vendite rispetto al primo trimestre dell’€™anno ma un calo del 2% rispetto allo scorso anno. Il segnale non è positivo perchè si colloca in un contesto in cui il prezzo medio continua a scendere mentre si cerca di incrementare i contenuti tecnologici. IDC rileva una forte concorrenza da parte di dispositivi di altro tipo che sono comunque in grado di svolgere il compito che svolgono tradizionalmente i PDA.

Su scala mondiale il risultato migliore continua ad essere sia in termini di percentuale assoluta che di incremento delle vendite, di PalmOne. La società  di Malpitas detiene il 42% del mercato e ha incrementato del 14,1% le vendite. HP scende al 24,1% perdendo tre punti percentuali e 8% nelle vendite mentre Sony è ancora assestata al terzo posto con il 7,8% nonostante una discesa delle sue vendite del 14,6% sequenzialmente e addirittura del 33,2% anno su anno. Anche Dell non sta facendo faville: le vendite sono cresciute del 4,6% rispetto allo scorso anno ma sono scese del 7,8% rispetto al trimestre precedente.

IDC sottolinea come la sfida principale da tenere sotto controllo nei prossimi mesi sarà  quella che ingaggerà  PalmSource contro il rivale sistema PocketPC. L’€™uscita dal mercato di Sony (che continuerà  a vendere i suoi Clié unicamente in Giappone) corre il rischio di dare via libera alla concorrenza rappresentata, tra gli altri, da HP. Per PalmSource diviene importante far convergere i clienti che avrebbero acquistato un PDA di Sony su PalmOne che resta l’€™unico grande produttore di palmari ad impiegare il suo sistema operativo.