Safari 4, un lancio da quasi 11 milioni di download

di |
logomacitynet696wide

Safari 4, secondo i dati di Net Applications, è il secondo lancio di maggior successo di tutti i tempi per un browser: scaricato quasi 11 milioni di volte, raggiunta e superata quota 1% di utilizzo su Internet dopo 4 giorni.

Già  questa notte, nella breve nota con cui davamo conto di dati complessivi dei browser, avanzavamo l’ipotesi, usando le scarne cifre a nostra disposizione, di un interessante debutto per la nuova versione del navigatore di Cupertino; le nostre impressioni vengono confermate dai dati assai più approfondite in possesso di altri siti, come TG Daily, che, addirittura attribuiscono a Safari 4 la corona di secondo lancio di browser di maggior successo di tutti i tempi, dietro solo a Chrome.

La prova del grande interesse suscitato da Safari 4 è nel 10,91% di quota di mercato conquistata da tutte le versioni di Safari nella giornata del 28 febbraio. L’ultimo giorno del passato mese è stato il primo della storia delle rilevazioni di Net Applications, a vedere il navigatore di Cupertino infrangere la barriera del 10%. Il 28 febbraio Safari, proprio grazie al contributo fornito dalla beta della versione 4, ha fatto segnare 1,88 punti sopra il dato conseguito lo stesso giorno della settimana precedente e un punto percentuale sopra il precedente record di Safari (primo febbraio 2009, 9,90%).

L’incremento di uso di Safari 4 beta è stato costante e progressivo: 0,45% dopo le prime 24 ore, 0,55% il terzo giorno, 1,04% il quarto giorno. Al confronto Internet Explorer 8 ha impiegato sei mesi per arrivare all’1%, Firefox 3, che pure fu un grande successo, ha dovuto prendersi sei giorni; solo Chrome ha fatto meglio di Safari 4, arrivando all’1% in nove ore, ma da allora non si è molto elevato sopra questo dato percentuale visto che è collocato all’1,10%.

L’analisi dei dati di Net Applications collocherebbe Safari intorno a 10 milioni di download, anche se fonti interne a Apple sostengono che la cifra è più vicina agli 11 milioni che ai 10 milioni.