Valve, il punto sull’€™intrusione hacker dell’€™anno scorso

di |
logomacitynet696wide

A novembre dello scorso alcuni hacker sono riusciti a ottenere informazioni, dati personali e dati riservati degli utenti che utilizzano la piattaforma di gioco Steam di Valve. Il co-fondatore della società torna sul punto sulle indagini, chiarisce che non sono state rubate password e che a tutt’oggi non è emerso l’uso fraudolento di questi dati.

A novembre dello scorso anno ignoti avevano attaccato la piattaforma di gioco Steam di Valve, entrando in possesso di un database con informazioni sensibili. Il leader al mondo nel settore dei giochi in rete che opera anche nella vendita di giochi on line aveva invitato gli utenti a cambiare password e verificare le transazioni eseguite con le carte di credito.

La società è tornata di recente a fare il punto della situazione e Gabe Newell, co-fondatore e managing director di Valve Corporation, ha fatto sapere che indagini sono ancora in corso per capire cos’è successo. Probabilmente è stata rubata la copia di backup di un file con l’elenco di tutte le transazioni eseguite tra il 2004 e il 2008: un file che contiene dati quali i nomi degli utenti, gli indirizzi criptati e informazioni cifrate (non in chiaro) sulle carte di credito utilizzate. Non sarebbe stata rubata dunque nessuna password e a tutt’oggi non sono emerse prove di un uso fraudolento di questi dati. Le indagini ad ogni modo proseguono con la collaborazione delle autorità e la società fa sapere che in alcuni paesi vige l’obbligo di comunicazioni formali e dunque alcuni utenti potrebbero ricevere comunicazioni specifiche in merito alla situazione. 

[A cura di Mauro Notarianni]