Zanichelli: i CD Mac troppo facili da copiare

di |
logomacitynet696wide

Zanichelli non realizza prodotti per Mac perchè non esiste un sistema affidabile di protezione alla copia dei CD. Questa l’originale giustificazione addotta dalla grande case editrice Italiana che da tempo produce ottimi titoli multimediali, come enciclopedie e dizionari, per il mondo PC, dimenticando il mondo Mac. Lo ha comunicato la società  ad un lettore di Macintosh Magazine che aveva avanzato la richiesta di sviluppo di prodotti anche per la nostra piattaforma. “Saremmo lieti di poter produrre CD anche per Mac se solo esistesse un sistema di protezione alla copia che possa rendere non copiabili i nostri titoli. Per Windows usiamo “Securom” di Sony. Se ella è in grado di presentarci un prodotto simile per Mac prenderemo in considerazione l’ipotesi di sviluppare anche per Mac”. Alle tesi di Zanichelli ha risposto prontamente il nostro amico Mauro Notarianni con una mail che pubblichiamo qui di seguito

“Esistono svariati sistemi per proteggersi dalle copie non autorizzate..
Uno dei problemi più diffusi tra i produttori di software e’, infatti, la copia illegale. Per proteggere le applicazioni, molti si affidano a tecniche di crittografia auto gestita dal software stesso, altri rafforzano questa barriera con l’aggiunta di ulteriori protezioni sui supporti magnetici (dischetti o CD-ROM contenente tracce “difettose”, e quindi non facilmente copiabili). Tuttavia e’ certo che la protezione al momento piu’ sicura e’ quella che puo’ essere data da un supporto hardware che, a sua volta, sia concepito per rendersi quanto piu’ impenetrabile possibile.
Molto semplici e a buon mercato sono, ad esempio, le chiavi di protezione da mettere sulla porta USB del computer. Segnalo tra le altre MacHasp una “chiave” da mettere sulla porta USB che contiene un codice univoco per ogni sviluppatore (una memoria accessibile in lettura/scrittura composta da 986 byte piu’ 10 byte di memoria protetta: praticamente inattacabile). Un prodotto simile (USB Sentinel Pro) e’ distribuito in Italia da BFI Optilas Spa.
Come vede, se si vuole, non mancano anche per Mac i sistemi per proteggere i software.
Concludo pero’ aggiungendo che a mio giudizio la migliore protezione resta il basso-costo: perche’ dovrei mettermi a scopiazzare illegalmente un software utile che posso acquistare a basso prezzo e magari grazie al quale posso avere in futuro aggiornamenti e assistenza gratuita?