iPhone 3G, niente GPS per gli egiziani

di |
logomacitynet696wide

In Egitto i servizi GPS di localizzazione GPS di iPhone 3G cessano di funzionare aggiornando il firmware dello smartphone alla versione 2.1. Apple si adegua alle normative egiziane in preparazione di un lancio ufficiale nel paese?

Localizzazione, posizionamento e indicazioni stradali: tutti i servizi che si appoggiano al GPS integrato di iPhone 3G cessano di funzionare quando si aggiorna il Firmware dello smartphone alla versione 2.1. Questo è quanto emerge da una segnalazione inviata Macity da un italiano che vive nel paese del mediterraneo. Dalle informazioni disponibili fino a questo punto sembra che il blocco delle funzioni GPS si verifichi solo con la nuova e ultima versione del firmware. In tutti i casi a conoscenza di Macity si tratta di iPhone 3G regolarmente acquistati in Italia presso l’operatore TIM, utilizzati in Egitto per tutte le funzioni, GPS compreso, fino alla versione precedente del Firmware.

Ricordiamo che in Egitto le norme vietano, di fatto, l’utilizzo dei dispositivi GPS per scopi civili e privati: per questa ragione gli smartphone che integrano di serie questa funzione non sono commercializzati ufficialmente nel paese. Tra gli assenti illustri ricordiamo Nokia N95: cancellato dai negozi e dalla distribuzione ufficiale, lo smartphone finlandese circola comunque tra gli appassionati grazie al mercato grigio e alle importazioni parallele.

Nel momento in cui scriviamo non è ancora possibile stabilire con certezza se il blocco delle funzioni GPS venga attivato rilevando una scheda SIM di un operatore locale oppure rilevando la posizione dello smartphone via GPS. Quel che è certo comunque è che il blocco delle funzionalità  GPS di iPhone 3G si verifica solamente per gli smartphone aggiornati al firmware 2.1 e di fatto rappresenta un adeguamento di Apple alle normative vigenti in Egitto.

Restano ora da appurare due dettagli rilevanti: le modalità  tecniche per l’esclusione del GPS, per comprendere se e come possono interessare anche i numerosi turisti italiani e non che si recano in Egitto per le vacanze. Infine capire se l’adeguamento di Cupertino rappresenta o meno un primo passo verso la preparazione di un lancio ufficiale di iPhone 3G in Egitto.

Grazie della segnalazione a Massimo Marchisio