Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone » PMc, il primo magazine per iPhone

PMc, il primo magazine per iPhone

Pubblicità

Arriva PMc, il magazine solo per iPhone (nel senso che si può leggere solo sul piccolo display del telefono di Apple) creato da Patrick McMullan, super-fotografo di moda e vip a New York che ha deciso di sbarcare su quella che considera una piattaforma innovativa per il mercato. E il New Yorker gli dedica spazio, perché il fenomeno è interessante.

Qui negli Usa c’è di nuovo voglia di eBook. E di carta digitale. E di nuove forme che diano vita (e soldi) all’agonizzante mercato editoriale del Nuovo continente, dove a breve potrebbero sparire la metà  dei 1.500 giornali locali e le grandi riviste, distribuite nelle Pharmacy e nei Mall, vedere ridimensionati i budget alla grande. Una soluzione è stata, per i grandi giornali a diffusione quasi nazionale, la riduzione del formato: dal foglio “broad” al formato compact: Wall Street Journal, Washington Post, New York Times, e persino lo storico magazine Rolling Stone è venuto a patti con la sua dimensione “gigante”. Perché non ridurre tutto ancora, virtualizzando dentro lo schermo di un telefonino?

McMullan ci crede e si gioca la carta dell’esordiente, sperando che il vantaggio competitivo del primo arrivato gli consenta di fare la corsa a suon di 99 centesimi di dollaro (il costo di ciascun numero di PMc, visto che il posizionamento “deve essere alto e non cheap”, dicono al New Yorker quelli della nuova rivista). L’idea è di sfruttare la voglia di innovazione e di glamour che il telefono di Apple si porta dietro, perché in realtà  analoghe iniziative, cioè riviste solo per un singolo apparecchio hi-tech, erano già  nate con Kindle il lettore di Amazon che sta cercando di farsi un mercato e sta anche per sbarcare in Europa (Gran Bretagna, forse Francia e pure Germania).

Il progetto di PMc è semplice: bellissime foto, impaginazione appropriata alle dimensioni dello schermo, flessibilità  che si regge anche su uno stile di scrittura tutto secco e senza avverbi, aggettivi e lunghi fraseggi (cosa in cui l’inglese può essere maestro, rispetto all’italiano) perché le ridotte dimensioni dello schermo non si accostano bene con il periodare ponderoso. A New York c’è già  la redazione e si lavora alacremente: il primo numero doveva già  essere fuori in queste ore ma i nostri controlli, grazie all’account statunitense di App Store finora non hanno prodotto risultati positivi.

L’attenzione dei media, pur senza niente di concreto davanti, è tuttavia notevole. Senza dubbio, perlomeno nella capitale culturale degli Usa, cioè New York, la rivista è già  diventata un successo virtuale. Adesso, deve diventarlo anche in digitale.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Raro sconto Apple Studio Display, solo 1599€

Su Amazon comprate al minimo storico gli Apple Studio Display con vetro standard e inclunazione variabile. Solo 1599 € invece di 1799
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità