iPhone, in Italia entro giugno?

di |
logomacitynet696wide

Il lancio di iPhone Firmware 1.1.4 introduce il supporto di due nuovi operatori di rete, O2 Irlanda e T-Mobile Austria. Resta presente il supporto di Tim che, a questo punto, potrebbe affiancarsi a T-Mobile Austria che prevede di lanciare il telefono di Apple sul mercato transalpino entro giugno.

Italia, Austria e Irlanda. Ecco le tre nazioni nelle quali iPhone dovrebbe essere lanciato prossimamente. Questo quello che si potrebbe considerare continuando ad usare il “giochino” dei bundle, ovvero dei “pacchetti” di file con le istruzioni necessarie per connettersi ai gestori della rete telefonica.

La presenza di istruzioni riservate ai tre paesi appena citati viene testimoniata da alcune informazioni raccolte da Macity che è così in grado non solo di indicare che il bundle Tim è ancora al suo posto, pronto per essere sfruttato, ma che ne arrivano altri due, quello di O2 Irlanda e quello di T-Mobile Austria, a conferma che il piano di espansione sui mercati mondiali è in corso.

La presenza di T-Mobile Austria non rappresenta una novità , ma una conferma. Una decina di giorni fa erano stati gli stessi vertici della società  telefonica che già  gestisce la connettività  del telefono in Germania a dare l’annuncio di un accordo raggiunto con Apple. L’apparizione dell’Irlanda arriva invece abbastanza a sorpresa, ma anche in questo caso, a ben pensarci, si tratta di un logico sviluppo degli accordi già  in corso, visto che 02 è il partner iPhone nel Regno Unito e non sarà  certo molto complicato esportare il servizio nella vicina isola dell’arcipelago britannico.

La presenza di operatori di Irlanda e, soprattutto, Austria tra gli operatori di iPhone rappresenta una elemento di significativo interesse per gli utenti italiani, un fattore che potrebbe contribuire a fissare una finestra di tempo per il lancio del cellulare che non dovrebbe tardare oltre il mese di giugno. La data si può ricavare, usando un processo induttivo e sempre da prendere con le pinze, ma comunque attendibile, dalle dichiarazioni di Hamid Akhavan, responsabile del Product Development, Technology and IT di T-Mobile che aveva fato sapere formalmente che iPhone in Austria sarebbe arrivato entro metà  anno.

Volendo ritenere improbabile che il vicino paese transalpino “superi” l’Italia nella disponibilità  di iPhone, sia per ragioni di dimensioni del mercato sia per il fatto che il bundle di Tim è presente in iPhone da più tempo di quello di T-Mobile Austria, è possibile che anche l’operatore italiano sia ormai prossimo al lancio e che il mese di giugno sia anche per l’Italia una meta attendibile.
In questo caso, se davvero giugno fosse il mese di sbarco di iPhone, si potrebbe pensare che l’annuncio ufficiale potrebbe essere collocato ad aprile, anche se è sempre possibile un anticipo o un posticipo.

Tra i dettagli interessanti da sottolineare la mancanza del bundle dedicato alla Spagna o alla Svizzera.
Questi due paesi, secondo alcune fonti, sarebbero stati inclusi nel prossimo lotto di nazioni in cui Apple avrebbe reso disponibile il dispositivo.

In realtà  i rumors inerenti un imminente lancio in Svizzera, come sottolineato da Macity a suo tempo , erano apparsi subito piuttosto deboli, mentre quelli che riguardavano la Spagna si erano smontati da soli quando si è verificato che, al contrario di quanto sostenuto (e anche in questo caso di quanto sarebbe stato logico) Apple non ha annunciato nulla nel cotesto del Mobile Word Congress di Barcellona dove sarebbe dovuta arrivare, secondo il giornale El Periodico, la presentazione.