I 10 desideri che Apple deve realizzare nel 2019 per gli investitori

A Natale arriva la lista dei 10 desideri che Apple dovrà raggiungere il prossimo anno per stabilizzare l’andamento in borsa e tranquillizzare investitori e azionisti. Nell’elenco iPhone ma anche servizi e una collaborazione con Tesla

Le vetrate di Apple Park alte tre piani si aprono, la GIF animata pubblicata da Tim Cook

Aumentano le letterine indirizzata a Cupertino: dopo quella di utenti e appassionati che da sempre mettono al primo posto un Mac più economico, arriva anche l’elenco dei 10 desideri che Apple dovrebbe realizzare per stabilizzare il titolo in borsa e tranquillizzare così piccoli e grandi investitori.

Senza sorprese al primo posto troviamo una nota relativa a iPhone, ma l’elenco di un analista di Wedbush è interessante perché chiede lumi a Cupertino su progetti e iniziative in corso, innumerevoli volte trapelati in rete negli scorsi mesi, ma sui quali Apple continua a mantenere il riserbo più assoluto. Tra queste i progetti per lo streaming video e serie TV, oppure sulle auto dove si arriva a suggerire una collaborazione strategia con Tesla:

apple park steve jobs 2

  1. Spedizioni iPhone superiori a 200 milioni di unità
  2. Upgrade iPhone in Cina di 30milioni di unità nel 2019 rispetto ai 70milioni di utenti pronti a cambiare smartphone
  3. La risoluzione della guerra legale contro Qualcomm
  4. Fatturato divisione servizi di 45 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2019
  5. Più trasparenza e numeri sul business dei servizi a partire dal prossimo anno
  6. Effettuare una acquisizione significativa di una primaria società i film, contenuti, studio di produzione. Questo per catalizzare le iniziative di streaming e di lanciare un servizio streaming entro la fine del 2019
  7. Annunciare un programma accelerato di riacquisto azioni alla luce dell’andamento attuale del titolo AAPL in borsa. Apple potrebbe sfruttare l’attuale ribasso sulle borse per tranquillizzare gli investitori e generare profitti nell’operazione
  8. Rudrre i prezzi di alcuni iPhone OLED portandoli a circa 600 dollari contro gli attuali 7509 dollari di partenza, questo già per la nuova gamma iPhone 2019Tesla Model 3 pronta
  9. Il nono punto non è decisamente alla porta di Apple perché dipende da decisioni politiche di Washington. Il nono desiderio è la fine della guerra dei dazi USA-Cina senza devastare la catena di approvvigionamento e gli impianti di assemblaggio di Foxconn
  10. Il decimo punto richiede ad Apple di siglare un accordo strategico con Tesla per assicurare un importante settore di crescita nelle auto elettriche e a guida autonoma. Secondo l’analista una collaborazione Apple Tesla rappresenta la soluzione migliore, anche rispetto alla acquisizione totale di Tesla come invece suggerito o auspicato da diversi altri analisi