fbpx
Home Macity Futuroscopio A Catania in arrivo 48 colonnine per la ricarica di veicoli elettrici

A Catania in arrivo 48 colonnine per la ricarica di veicoli elettrici

Anche la città di Catania sceglie la mobilità a zero emissioni per guardare al futuro e porre le basi di un ecosistema di mobilità intelligente e sostenibile. Solo grazie alla cooperazione tra Istituzioni e privati è, infatti, possibile realizzare a pieno il concetto di smart city dove prodotti e soluzioni di mobilità si integrano con la rete di ricarica pubblica. Un anello fondamentale per lo sviluppo della mobilità elettrica che nella città di Catania prende il via con l’inaugurazione, in Piazza Manganelli, della prima delle 48 colonnine per la ricarica di veicoli elettrici previste dal protocollo sottoscritto con Enel.

Rendere la mobilità sempre più intelligente e sostenibile rappresenta un obiettivo fondamentale per la trasformazione di Catania in una vera città del futuro. Una visione che si realizza anche attraverso il dialogo e la condivisione di best practices tra pubblico e privato, per costruire un sistema di mobilità efficiente e virtuoso.

A Catania in arrivo 48 colonnine per la ricarica di veicoli elettrici
DCIM100MEDIADJI_0055.JPG

Grazie a un protocollo, sottoscritto nei giorni scorsi dal Comune di Catania e da Enel X, la Divisione del Gruppo Enel dedicata a prodotti e soluzioni digitali, saranno installate fino a 48 colonnine di ricarica per veicoli elettrici. Le infrastrutture di ricarica saranno distribuite in tutto il territorio del Comune di Catania per incentivare la mobilità sostenibile cittadina e favorire la creazione di percorsi turistici a zero emissioni.

L’iniziativa rientra nel Piano nazionale Enel per l’installazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, che vedrà la posa di circa 7mila colonnine entro il 2020, per arrivare a 14mila nel 2022. Tale programma prevede una copertura capillare in tutte le Regioni italiane e contribuirà alla crescita del numero dei veicoli elettrici e ibridi circolanti.

Complessivamente Enel investirà tra i 100 e i 300 milioni di euro per lo sviluppo di una rete capillare di ricarica composta da colonnine Quick (22 kW) nelle aree urbane e Fast (50 kW) e Ultra Fast (150 kW), per la ricarica veloce, in quelle extraurbane. Circa l’80% dei punti di ricarica verrà installato nelle zone cittadine, di cui il 21% nelle grandi aree metropolitane e il 57% nelle altre città, e il restante 20% circa a copertura nazionale, per garantire gli spostamenti di medio e lungo raggio, nelle zone extraurbane e nelle autostrade. Tra queste ultime rientrano le stazioni di ricarica del progetto EVA+ (Electric Vehicles Arteries), co-finanziato dalla Commissione Europea, che prevede l’installazione, in tre anni, di 180 punti di ricarica lungo le tratte extraurbane italiane.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,966FansMi piace
93,793FollowerSegui