Home Sconti speciali Adobe After effects, a cosa serve?

Adobe After effects, a cosa serve?

Adobe After Effects è indubbiamente il programma di riferimento da oltre 20 anni per la creazione di animazioni, visual effects (vfx, o effetti speciali), post produzione video e molto altro.

Quando si parla di Motion Graphics, un termine piuttosto ampio che chiariremo più avanti nell’articolo, parliamo ovviamente di Adobe After Effects.Il binomio appare ormai inscindibile.

Il metodo migliore per capire a cosa serve Adobe After effects, e soprattutto cosa si può e cosa non si può realizzare con questo programma, è passare in rassegna alcuni esempi.

In questo articolo chiariamo gli scopi creativi e tecnici dietro l’utilizzo di questo software e ne vediamo le integrazioni con altri, principalmente: Adobe Illustrator, Adobe Premiere Pro e Cinema 4D di Maxon.

Dopo la lettura sarai in grado di rispondere a domande come: “posso fare questa cosa in After?”, ma anche: “quali corsi devo seguire per poter fare questa cosa in after effects?”

Adobe After Effects e la motion graphics

Di cosa parliamo quando parliamo di motion graphics? L’ambito della motion graphics è ampio e i suoi confini porosi. Per semplificare: la motion graphics  include tutto quello che è design in movimento. Qualunque cosa animata, che sia un dato, un personaggio, una sagoma semplice o un testo è a tutti gli effetti da considerarsi Motion Graphics.

Adobe After effects è il programma perfetto per realizzare lavori di motion graphics come: tipografia cinetica (testo animato), rigging di personaggi (animazione di personaggi illustrati provenienti da Adobe Illustrator), video explainers con dati ed elementi 2D o 3D (provenienti in quest’ultimo caso da software esterni come Cinema 4D).
Vediamo alcuni esempi presi da studi creativi e talenti della motion graphics:

Un esempio di character rigging  realizzata dal motion designer  Emanuele Colombo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Emanuele Colombo (@ema_colombo)

Un esempio di utilizzo di sagome semplici, testo animato e tanto colore in questo pezzo di motion graphics realizzato dal celebre studio canadese di motion graphics “ordinary folk”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ordinary Folk (@ordinaryfolkco)

Adobe after effects è quindi il software giusto per realizzare lavori di motion graphics ma tieni presente che non è il programma per creare illustrazioni di personaggi, per questo genere di lavoro ti servirà Adobe Illustrator.

I due programma di casa adobe comunicano e lavorano in tandem efficacemente. Sul mercato si trovano inoltre plugin specifiche come Overlord che permettono ai due software in questione di fare passaggi di composizioni vettoriali in un click senza bisogno di esportare o salvare file e livelli in modo particolare.

Tieni inoltre presente che sebbene After sia in grado di gestire elementi tridimensionali e creare spazi 3D dove collocare sagome, testi e illustrazioni NON è un software per la modellazione 3D. Per questa ragione avrai bisogno di un programma come Cinema 4D della MAXON; programma che è ben integrato con after effects e lavora in simbiosi per darti dei risultati d’impatto.

Adobe After Effects e la post produzione

Adobe AE non è solo animazione di testo e di illustrazioni vettoriali, con After è possibile infatti realizzare lavori professionali di post produzione su materiale video come: rimozione di oggetti indesiderati, sostituzione di fondali  (con la tecnica del chroma key o green screen), agganciare ai movimenti di camera oggetti 3D o testi animati (grazie al camera tracking). Con AE è inoltre possibile aggiungere ai filmati effetti speciali (vfx) come fiamme, esplosioni e fare operazioni di compositing complesse. Per compositing intendiamo le tecniche di fusione di più elementi come: foto, video, testo animato o effetti speciali, per dare l’illusione che facciano parte della stessa scena.

Un esempio di brillante compositing e vfx lo trovi nel video di seguito, premiato nella sezione After effects di Behance.

Adobe After Effects o Premiere Pro?

Spesso capita di incontrare questa domanda, quale programma devo scegliere tra i due ? La risposta è, come sempre, dipende da cosa devi realizzare. AE è sicuramente in grado di fare editing video e correzione colore (e audio) ma non è lo strumento che ti consigliamo per fare montaggio video professionale. Il software migliore per questa attività è Adobe Premiere Pro. Se devi aggiungere dei sottopancia animati o delle grafiche al tuo video (come i titoli o una breve intro di testo) Adobe Premiere Pro è ragionevolmente semplice da usare anche per questo scopo.

Se però le tue grafiche animate sono particolarmente complesse e hai bisogno di controllare tanti parametri (come i colori, le sfumature, le forme e i tempi di ingresso e uscita) allora il consiglio è di lavorare con Adobe After effects ed esportare la grafica per Premiere Pro tramite il pannello “grafiche essenziali” che trovi in AE (e anche in Premiere Pro). I due prodotti adobe sono perfettamente integrati. Premiere Pro è in grado infatti di riconoscere e manipolare le composizioni in formato aep provenienti da After senza bisogno di procedure complesse.

In conclusione

Adobe After effects è il software ideale per realizzare lavori di motion graphics, post-produzione e compositing video. Adobe After effects lavora in sinergia con Adobe illustrator (per la realizzazione di illustrazioni vettoriali complesse da animare), Adobe Premiere Pro (per operazioni di color grading avanzate) e Cinema 4D (per la modellazione di elementi 3D). Espero offre corsi su tutti i prodotti adobe e maxon citati in questo articolo. Li trovi in questa pagina.

Offerte Speciali

Amazon fa il miracolo: AirPods Pro pronta spedizione e in sconto

Airpods Pro prezzo top: solo 189,99 €

Su Amazon gli Airpods Pro tornano ad un ottimo prezzo: solo 189,99 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,958FollowerSegui