Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » News » Alexa, Siri e Assistente Google si attivano per errore fino a 19 volte al giorno

Alexa, Siri e Assistente Google si attivano per errore fino a 19 volte al giorno

Siri, Alexa e Google Home, sono alcuni degli assistenti vocali più noti con i quali molti utenti dialogano più volte al giorno.

A molti è capitato di sentire improvvisamente frasi pronunciate dagli assistenti attivati inavvertitamente, magari pronunciando una parola che vagamente ricorda il nome dell’assistente oppure da una parola che arrivava dalla TV o dalla radio. Uno studio della Northeastern University (università privata di Boston, Massachusetts), afferma che le attivazioni accidentali avvengono mediamente tra le 15 e le 19 volte al giorno.

I ricercatori della Northeastern University hanno analizzato cinque smart speaker: la prima generazione di Google Home Mini, l’HomePod di Apple, l’Harman Kardon Invoke di Microsoft, un paio di Amazon Echo Dot di seconda generazione, e un paio di Amazon Echo Dot di terza generazione. Dai dati emergono vari elementi interessanti: gli assistenti si attivano per errore fino a 19 volte al giorno nell’arco delle 24 ore; i dispositivi che si attivano di più sono l’HomePod e quelli con Cortana; alcuni programmi TV sono maggiormente responsabili delle attivazioni: Gilmore Girls (in Italia “Una mamma per amica”) e The Office, probabilmente per la presenza di molti dialoghi.

A fare scattare erroneamente gli assistenti sono particolari parole; nel caso ad esempio di Google Home Mini accade quanto nei dialoghi vi sono frasi che iniziano per “Hey” (ad esempio l'”A” in inglese o il pronome “They”), seguite da quelle che iniziano per “G” o che contengono (in inglese) “ol” quali “cold and told” e frasi come “Okay, but not”,  “I don’t like the cold” e altre ancora.

Super Sconto su Amazon Echo Dot solo per oggi

L’Homepod di Apple si attiva quando ascolta parole che iniziano per “h “Hi” o “Hey” seguite da parole che iniziano per “S”+una vocale o quando nelle parole vi sono sillabe che fanno rima o in qualche modo il “ri” di Siri, come “I see”m “I’m sorry” e “They say”.

Per i dispositivi di Amazon l’attivazione parte quando sentono parole che includono la lettera “K” o che in qualche modo ricordano “Alexa” ma anche che apparentemente non hanno nulla a che fare con questa, ad esempio: “congresswoman”, “cash transfer” e altre ancora.  Cortana si attiva per errore quando sente parole che iniziano per “co” come “Colorado”, “consider” e “coming up”.

Per l’Italia i più perseguitati (secondo una nostra personale classifica) sono i tifosi della Juventus che seguono le partite in TV: se avete un dispositivo Echo nella stessa stanza la presenza in campo di Alex Sandro vi fara partire l’assistente vocale ogni volta che il giocatore viene menzionato dal telecronista. La soluzione è rinominarlo in “Echo” ma poi attenti se seguite la Roma: c’è un attaccante dal nome molto pericoloso!

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

iPhone 15 256 GB mai così scontato, solo 929 €

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione i modelli 128 Gb che restano al minimo storico a 799 € ma i modelli da 256 GB scendono sempre più giù e oggi costano 929 €.

Ultimi articoli

Pubblicità