Alla prova il nuovo PLUSTEK ePhoto Z300, lo scanner ultraveloce

ePhoto Z300 è il nuovo scanner USB ultraveloce di PLUSTEK: messo alla prova mostra buone doti ma software da rivedere.

Re incontrastato e oggetto onnipresente in ogni realtà fotografica e grafica in tutti gli anni novanta, lo scanner ha iniziato la propria discesa nella scala delle preferenze a partire dalla metà del decennio scorso, quando le fotocamere digitali hanno iniziato ad avere una qualità importante e a contrastare, perlomeno nella ripresa, le immagini analogiche. Ad oggi l’utilizzo di uno scanner non promette più le meraviglie di un tempo, ma allo stesso tempo mantiene una valenza necessaria per la digitalizzazione di documenti, originali, foto di archivio e in genere per qualsiasi documento cartaceo, fotografico o grafico che debba giocoforza passare da analogico a digitale. Il problema, semmai, è legato alla sua dimensione: uno scanner classico è grande circa una volta e mezza un A4 (o giù di li) e sono sempre meno le scrivanie adatte ad ospitarlo (dato che non ci si può mettere nulla sopra).

A questa domanda risponde in modo interessante Plustek, marchio che offre a catalogo diversi prodotti adatti alla digitalizzazione, dalla documentazione alle foto. E’ proprio per queste ultime che il modello ePhoto Z300 è pensato: una soluzione veloce, compatta e (parzialmente) trasportabile: non un vero e proprio scanner mobile ma un device leggero che può essere spostato di scrivania in scrivania in modo semplice e veloce, grazie alla maniglia e a un peso contenuto.

41YMECsN7hL

ePhoto, da analogico a digitale

La forma è abbastanza inusuale: una specie di mezza piramide bianca, con una superficie azzurra nella parte frontale ad indicare la parte attiva. Si appoggia in piedi sulla scrivania e la superficie di appoggio è pari a circa la metà di un A4. Il collegamento USB e l’alimentazione sono necessari per il funzionamento, e con OS X serve necessariamente anche installare i Driver forniti con il DVD nella confezione.

La prima e unica nota negativa arriva proprio dal lato software: Acquisizione immagine di OS X 10.11 non lo vede e per il funzionamento è necessario installare l’App ufficiale ePhoto distribuita su DVD: una ricerca sul sito non ha fornito alcun risultato, il che è un peccato perché con un iMac, un MacBook Pro e un Mac mini abbiamo fatto fatica a trovare un lettore DVD (dovendo riesumare un vecchio Mac mini G4). L’App di per se ha una interfaccia molto spartana e chiaramente ereditata dalla controparte Windows, però è funzionale e permette, oltre che la scansione, anche una serie di ritocchi sull’immagine tramite preset di colore e ambientazioni. Ovviamente, chi ha un po’ di domestichezza con Photoshop, Foto oppure Affinity Photo lasci stare l’App ePhoto e si concentri unicamente su queste ultime, le cui capacità sono ben più ampie. Sottolineiamo che il prodotto da noi testato è una anteprima, e che sarà in commercio nel giro di un paio di mesi: al momento della commercializzazione il software sarà naturalizzato in Italiano e, speriamo, anche disponibile per il download.

Lato software a parte, lo scanner è davvero una delizia: acceso e collegato, basta appoggiare un foglio nella parte superiore, aprire l’App e la scansione avviene in background. Il foglio scorre veloce e il file appare nella cartella di destinazione, in modo che possiamo anche scordarci dell’App ePhoto e usarla solo come strumento cieco. Tutte le scansioni sono tagliate al vivo, come le foto, e la velocità è tale che possiamo tranquillamente scansionare pacchi di foto in pochi minuti.

La scansione avviene a 300 dpi in scala 1:1 e non c’è modo di modificarla (la voce nelle preferenze è apparsa bloccata): la precisione è abbastanza buona anche se tende a scurire troppo le ombre.

Da notare che lo scanner, nonostante il nome, è adatto anche alla scansione documentale (la tipologia viene determinata in modo automatico), grazie all’App PageManager 9.37, inclusa nel DVD e abbastanza aggiornata.

Considerazioni

Il prodotto è senza dubbio per una nicchia di utenti, per chi ancora ama fotografare in analogico, per chi ha un grosso archivio di foto e desidera digitalizzarlo, per chi ha perso gli originali e ha solo le stampe ma anche per chi vuole un dispositivo fedele, veloce, facile da gestire e che occupi poco spazio sulla scrivania. Il costo, 213,90 Euro non è certo dei più agevoli ma la qualità hardware è interessante e la praticità è notevole.

Potete trovare Plustek ePhoto Z300 in tutti i negozi di elettronica e nel sito del produttore, oppure scontato direttamente da Amazon dove costa 213 euro

Design:
(4,0 / 5)
Facilità-d'uso:
(4,5 / 5)
Prestazioni:
(4,0 / 5)
Qualità/Prezzo:
(3,5 / 5)
Average:
(4,0 / 5)

Pro:

  • Pratico, occupa poco spazio
  • La maniglia lo rende facile da gestire
  • Molto veloce e automatico

Contro:

  • Il costo è un po’ alto
  • Il software a corredo è migliorabile
  • Serve un download digitale oltre al supporto DVD (da verificare all’atto della disponibilità)