fbpx
Home Macity Internet Amazon ha sfruttato i dati di vendita dei venditori per sviluppare i...

Amazon ha sfruttato i dati di vendita dei venditori per sviluppare i suoi prodotti?

Secondo un rapporto del Wall Street Journal, alcuni dipendenti di Amazon avrebbero avuto accesso ai dati di vendita dei venditori indipendenti che operano attraverso l’e-commerce allo scopo di aiutare l’azienda a sviluppare prodotti marchiati Amazon, che avrebbero poi fatto concorrenza a quelli dei rivenditori.

Alcuni ex dipendenti ed un dipendente attuale di Amazon hanno dichiarato al WSJ che le regole che vietano tale pratica non sono state applicate in modo uniforme e che l’utilizzo dei dati di vendita dei rivenditori è una pratica comune, discussa apertamente nelle riunioni a cui essi avrebbero partecipato.

“Sapevamo che non avremmo dovuto farlo ma allo stesso tempo, stavamo realizzando prodotti con marchio Amazon e volevamo che venissero venduti”

ha detto un ex dipendente che ha avuto accesso ai dati e ha descritto lo schema utilizzato dall’azienda per lanciare nuovi prodotti Amazon.

Amazon ha “rubato” i dati di vendita dei venditori per sviluppare i suoi prodotti?

Come ben sa chi acquista dall’e-commerce, Amazon vende diversi prodotti sfruttando suoi marchi proprietari – fra i quali il più conosciuto è AmazonBasics – che si distinguono in particolare per un rapporto qualità prezzo particolarmente vantaggioso, spesso molto più vantaggioso rispetto a quello di prodotti omologhi venduti dalla concorrenza.

Ospitando altri venditori sulla sua piattaforma, Amazon ha a disposizione i dati di vendita di tutti i prodotti venduti da terzi, dati che, se usati, potrebbero aiutare l’azienda a scegliere quali nuovi prodotti sviluppare per i suoi marchi proprietari e a quale fascia di prezzo venderli per battere la concorrenza.

Questa pratica sembra essere vietata dalla politica aziendale, ma quanto dichiarato dai dipendenti al Wall Street Journal farebbe pensare che questo divieto non sia stato sempre rispettato.

Amazon ha comunque contestato quanto dichiarato dai suoi dipendenti:

“Come altri rivenditori, guardiamo alle vendite e ai dati dei negozi per offrire ai nostri clienti la migliore esperienza possibile. Tuttavia, vietiamo rigorosamente ai nostri dipendenti di utilizzare dati non pubblici specifici dei venditori per determinare quali prodotti a marchio del lanciare. Sebbene non crediamo che queste affermazioni siano accurate, prendiamo molto sul serio queste accuse e abbiamo avviato un’indagine interna “.

Amazon inoltre aveva precedentemente testimoniato al Congresso dichiarando di non accedere ai dati di vendita dei venditori per creare i suoi prodotti marchio privato. “Il nostro incentivo è aiutare i venditori ad avere successo perché ci affidiamo a loro”, ha dichiarato Nate Sutton, consulente generale associato di Amazon, in un’audizione del 16 luglio. Non usiamo i loro dati individuali quando prendiamo decisioni per lanciare marchi privati ​​”.

Amazon è sotto controllo da tempo per le sue pratiche anticoncorrenziali, sebbene a riguardo la Federal Trade Commission non abbia ancora avviato un’indagine formale sulla società.

Offerte Speciali

preordini applw atch su amazon

Apple Watch 6 e Apple Watch SE si ordinano anche su Amazon

Partiti i preordini dei nuovi Apple Watch su Amazon, con spedizioni già da domani 18 settembre. E' probabile che con Amazon arrivino prima che con Apple
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,717FansMi piace
93,883FollowerSegui