HomeMacityFinanza e MercatoApple e Google contro i disegni di legge sugli app store USA

Apple e Google contro i disegni di legge sugli app store USA

Giovedì 22 gennaio la commissione giudiziaria del Senato USA discuterà i disegni di legge Open App Markets e American Innovation and Choice Online: se approvati entrambi prevedono importanti cambiamenti nella gestione dei negozi digitali di app: sia Apple che Google si oppongono ai due disegni di legge sugli app store per ragioni di sicurezza e non solo.

Tra le modifiche in discussione che potrebbero essere introdotte il divieto dell’obbligo di usare sistemi di pagamento proprietari, la possibilità per gli utenti di poter installare app store alternativi di terze parti e in generale quindi permettere il cosiddetto sideloading delle applicazioni.apple disegni app store

Apple sostiene che i disegni di legge «Mettono in pericolo i consumatori a causa del rischio reale di violazione della privacy e della sicurezza» in una lettera al Senato vista da CNBC. In particolare il colosso di Cupertino è contrario al sideloading e agli app store terze parti. «Se Apple è costretta ad abilitare il sideload, milioni di americani probabilmente subiranno attacchi di malware sui loro telefoni che altrimenti sarebbero stati bloccati» precisa Apple nella lettera.

Come Apple anche Google si oppone ai disegni di legge sugli app store per ragioni di sicurezza, indicando però anche il rischio di veder diminuita la sua capacità di competere con società estere. «Google è in grado di proteggere miliardi di persone in tutto il mondo dagli attacchi informatici perché integra la sicurezza e la protezione della privacy nei nostri servizi» dichiara la società in un post di Kent Walker, President Global Affairs & Chief Legal Officer Google & Alphabet.

apple disegni app store

 

In sostanza Walker avverte che i disegni di legge potrebbero danneggiare la capacità dell’azienda e quella delle sue controparti statunitensi di competere con le aziende straniere costringendole a ottenere l’approvazione dai «burocrati del governo» ogni volta che intendono rilasciare nuove funzionalità o affrontare problemi esistenti.

Al contrario, gli stessi disegni di legge sono supportati dalla Coalition for App Fairness, l’organizzazione voluta da Epic Games, Spotify e molti altri sviluppatori che preme perché Apple e Google introducano cambiamenti e rendano più aperti i rispettivi negozi digitali.

Nel frattempo Apple ha aperto ai pagamenti in-app con sistemi terze parti prima in Corea del Sud e negli scorsi giorni anche nei Paesi Bassi.

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 è ancora al minimo storico, solo 617€

In offerta con sconto del 25% su Amazon il più recente Mac mini con processore M1 con SSD da 256 GB. Lo pagate solo 617 €, il minimo assoluto mai visto per questo computer
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial