Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Futuroscopio » Apple, un brevetto per la creazione e l’editing di immagini 3D

Apple, un brevetto per la creazione e l’editing di immagini 3D

Il Patent and Trademark Office statunitense ha riconosciuto ad Apple un brevetto concernente un sistema software che permette di elaborare e editare video 3D, una funzionalità che la casa della Mela potrebbe integrare in future versioni di Final Cut Pro.

Nel brevetto numero 8,631,047 è descritto un metodo nel quale un’applicazione di editing, come ad esempio Final Cut, può gestire e permettere di modificare immagini stereoscopiche in tre dimensioni.

La stereoscopia è una tecnica che trasmette l’illusione di tridimensionalità sfruttando tipicamente coppie d’immagini affiancate in modo da riprodurre due risultati leggermente differenti così come sono percepiti dalla vista umano, illusione creata dalla differente disposizione delle due immagini percepite da ogni occhio. Esistono vari sistemi per visualizzare le immagini create con questa tecnica: visori, occhiali, filtri passivi, anaglifi, ecc.

La teoria di base sfruttata da Apple è relativamente semplice poiché i programmi di video editing, come ad esempio quello di editing non lineare citato come modello nel brevetto, permettono di importare e editare due video clip simultaneamente; poiché i filmati 3D sono ripresi tipicamente usando due diverse videocamere, l’applicazione può identificare e accoppiare in automatico i clip provenienti dalla prima e seconda videocamera.

Molte videocamere professionali permettono la cattura multi-cam sincronizzando l’output con il timecode SMPTE (un insieme di standard cooperativi per l’identificazione univoca di fotogrammi video). Il brevetto di Apple sfrutta il timecode, generato on camera o quello proveniente da dispositivi dedicati come master clock, per associare due clip e creare presentazioni composite gestibili da applicazioni per l’editing video.

Nel brevetto sono descritte funzionalità come l’identificazione di dati incorporati nei metadati e mostrate funzioni che permettono all’utente di personalizzare in vari modi il materiale da importare senza intaccare le clip originali.

Al momento Final Cut Pro non supporta di serie l’editing 3D e simili funzionalità potrebbero essere integrate con plug-in. I due principali concorrenti del prodotto Apple, Premiere con After Effects di Adobe e Vegas Pro di Sony, integrano funzioni per lavorare con immagini stereoscopiche.

L’interesse verso il 3D sta da qualche tempo affievolendo e non è chiaro se e quando Apple integrerà la nuova caratteristica in future versioni di Final Cut Pro o se rilascerà aggiornamenti specifici; come sempre la società registra molti brevetti ma non tutti poi sfociano in prodotti veri e propri.

BrevettoVideo3

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, per MacBook Air M2 512GB 1199 €!

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 680 euro meno del nuovo modello, solo 1199€

Ultimi articoli

Pubblicità