HomeiOSil mio iPhoneBrasile, anco...

Brasile, ancora una multa per Apple perché non fornisce l’alimentatore con iPhone 13

L’autorità brasiliana che si occupa della protezione dei consumatori sanzionerà di nuovo Apple perché anche con iPhone 13, come già con gli iPhone 12, non offre di serie l’alimentatore.

Come noto, da tempo Apple non include di serie l’alimentatore per gli iPhone. In Brasile Apple era stata già sanzionata per l’equivalente di 1,9 milioni di dollari per non avere incluso l’alimentatore con gli iPhone 12, obbligando l’azienda a offrirne uno a chi lo avesse chiesto. La Fundação de Proteção e Defesa do Consumidor (Fundação Procon o Procon-SP), agenzia per la tutela e difesa dei consumatori, prevede una nuova multa per gli iPhone 13.

Stando a quanto riferisce il sito locale TechTudo, la multa da 1,9 milioni di dollari del marzo 2021, è stato il massimo importo possibile previsto dalle leggi brasiliane.

Apple indica sul proprio sito che con i nuovi iPhone l’alimentatore non è incluso, ma questa indicazioni – secondo le autorità brasiliane – non è sufficiente. Fernando Capez, direttore generale di Procon-SP, ha spiegato che tale informazione deve essere “ostentata” e non “camuffata”.

Brasile, Bolsonaro rende più complicata la lotta contro le fake news

Procon-SP ha in precedenza puntato il dito anche contro Samsung per lo stesso motivo ma l’azienda sudcoreana non è stata sanzionata perché ha accettato di fornire gratis gli alimentatori per il Galaxy S21. Non è ad ogni modo chiaro perché Apple sia stata sanzionata, avendo anche quest’ultima accettato di fornire gratuitamente, a chi lo avesse richiesto, l’alimentatore.

Ricordiamo che in Francia Apple ha dovuto adeguarsi a norme locali, offrendo nella confezione degli iPhone gli EarPods.

Offerte Speciali

Come acquistare MacBook Air M1 a rate su Amazon con carte ricaricabili

Mac Book Air M1 a 899 €, torna al minimo su Amazon

Il MacBook Air M1 nella versione da 256 GB viene scontato del 27% e scende al minimo di Amazon, solo 899 €
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità