Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Curiosità » Ex ingegnere Google arrestato, avrebbe passato segreti AI alla Cina

Ex ingegnere Google arrestato, avrebbe passato segreti AI alla Cina

Mercoledì, le autorità statunitensi hanno arrestato un ex ingegnere del software di Google, Linwei Ding, a Newark, California, con l’accusa di aver rubato segreti commerciali sull’AI dall’azienda. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sostiene che Ding, cittadino cinese, abbia commesso il furto mentre lavorava segretamente con due aziende con sede in Cina.

Secondo l’accusa, Ding, assunto da Google nel 2019 e con accesso a informazioni riservate sui data center dell’azienda, ha iniziato a caricare centinaia di file in un account personale Google Cloud due anni fa.

I segreti commerciali che Ding avrebbe rubato conterrebbero “informazioni dettagliate sull’architettura e la funzionalità dei chip e dei sistemi GPU e TPU, il software che consente ai chip di comunicare ed eseguire compiti, e altro riguardante la tecnologia dell’apprendimento automatico e dell’AI.

Poco dopo l’inizio del presunto furto, a Ding fu offerta la posizione di chief technology officer presso un’azienda tecnologica neo nata in Cina che vantava l’uso della tecnologia AI. L’azienda gli offriva uno stipendio mensile di circa 14.800 dollari, oltre a un bonus annuale e azioni della società. Ding avrebbe viaggiato in Cina, partecipato a riunioni con gli investitori e cercato di raccogliere capitali per l’azienda.

Ex ingegnere Google arrestato per segreti AI alla Cina

Gli investigatori hanno visionato le riprese delle telecamere di sorveglianza che mostravano un altro dipendente che scansionava il badge di Ding all’ingresso del palazzo dove lavorava in Google, facendo apparire che stesse lavorando dal suo ufficio quando in realtà era in viaggio.

Ding ha anche fondato e ricoperto il ruolo di amministratore delegato di un’altra startup con sede in Cina che mirava a formare “grandi modelli AI alimentati da chip di supercalcolo”, sempre secondo l’accusa. Ding si è dimesso da Google il 26 dicembre dello scorso anno.

L’FBI ha eseguito un mandato di perquisizione presso l’abitazione di Ding a gennaio, sequestrando i suoi dispositivi elettronici e successivamente eseguendo un ulteriore mandato per il contenuto dei suoi account personali. Le autorità hanno trovato più di 500 file unici di informazioni riservate che Ding avrebbe rubato da Google.

L’accusa afferma che Ding ha copiato i file nell’applicazione Note di Apple sul suo MacBook fornito da Google, quindi avrebbe convertito le Note di Apple in file PDF e li avrebbe caricati su un account esterno per sfuggire ai controlli.

“Abbiamo rigorose salvaguardie per prevenire il furto delle nostre informazioni commerciali riservate e dei segreti commerciali”, ha dichiarato un portavoce di Google José Castañeda ad Ars Technica:

Dopo un’indagine, abbiamo scoperto che questo dipendente ha rubato numerosi documenti, e abbiamo prontamente segnalato il caso alle autorità. Siamo grati all’FBI per averci aiutato a proteggere le nostre informazioni e continueremo a cooperare strettamente con loro

Il Procuratore Generale Merrick Garland ha annunciato il caso contro il 38enne durante una conferenza dell’Associazione Americana degli Avvocati a San Francisco. Ding è accusato di quattro capi di imputazione di furto di segreti commerciali federale, ciascuno dei quali comporta una pena potenziale fino a 10 anni di carcere.

Tutte le notizie che parlano di Intelligenza Artificiale sono disponibili a partire da questa pagina di macitynet.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, risparmio da 630€ per MacBook Air 512GB M2 15,4 rispetto ad M3

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 630 euro meno del nuovo modello, solo 1249€

Ultimi articoli

Pubblicità