Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Google in crisi fa condividere le postazioni ai dipendenti

Google in crisi fa condividere le postazioni ai dipendenti

Google ha chiesto ad alcuni dipendenti che lavorano in ambito cloud di condividere le postazioni di lavoro a giorni alterni con i loro colleghi, citando “ottimizzazioni dei beni immobili”.

Lo riferisce CNBC evidenziando quello che è un periodo un po’ complicato per Big G: a gennaio l’azienda ha licenziato 12.000 persone prima dell’annuncio della trimestrale con risultati che hanno evidenziato entrate pubblicitarie di YouTube e fatturato Google Cloud sotto le stime. Un ulteriore problema è arrivato con Microsoft che ha deciso di accelerare il potenziamento di Bing e Edge con l’Intelligenza Artificiale.

La nota di Google è stata inviata ai dipendenti di cinque grandi sedi aziendali: Kirkland (Washington), New York City, San Francisco, Seattle e Sunnyvale (California) spiegando che l’iniziativa serve a consentire la crescita degli investimenti nel cloud e che pertanto – così come è riportato in una FAQ – alcuni edifici saranno sgomberati.

Google in crisi fa condividere postazione ai dipendenti

“Molti Googlers (così si chiamano gli impiegati di Google, ndr), ora condividono la scrivania con altri Googler”, si legge nel documento interno, riferendo ancora che i dipendenti dovranno mettersi d’accordo per gestire le postazioni a giorni alterni, in modo da non essere presenti insieme alla scrivania condivisa.

La novità è stata predisposta in un momento nel quale Google cerca di ridurre in tutti i modi le spese, ridimensionando – tra le altre cose- anche le proprietà immobiliari. Secondo quanto riferito in occasione della presentazione dei dati dell’ultimo trimestre fiscale, l’azienda prevede di risparmiare 500 milioni di dollari da mosse come questa.

Pochi giorni addietro, un ex dipendente di Big G ha puntato il dito contro l’azienda, affermando che avrebbe smarrito la direzione, diventata una società “inadeguata, afflitta da cattiva gestione e paralizzata dalla paura di rischiare”.

Le ricerche in stile AI e ChatGPT fanno aumentare sensibilmente i costi sia per Google che per Microsoft. Tutti gli articoli dedicati a Finanza e Mercato sono disponibili ai rispettivi collegamenti.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, per MacBook Air M2 512GB 1199 €!

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 680 euro meno del nuovo modello, solo 1199€

Ultimi articoli

Pubblicità