fbpx
Home News Grafica creativa: cosa scegliere tra quadricromia e colori Pantone?

Grafica creativa: cosa scegliere tra quadricromia e colori Pantone?

Da tanti anni organizziamo corsi di grafica creativa e impaginazione e durante le lezioni ci capita spesso di ascoltare i racconti dei nostri partecipanti in merito alle problematiche che hanno affrontato durante la realizzazione di qualche lavoro grafico. Il nostro obiettivo è sempre quello di immedesimarci nella situazione che hanno vissuto, capire i problemi che hanno riscontrato e chiarire le cause di eventuali errori, spiegando come non ricascarci e fare scelte corrette e consapevoli.
Le esperienze concrete dei nostri partecipanti e le problematiche quotidiane in ambito di lavoro vengono affrontate insieme e costituiscono un valore aggiunto per i nostri corsi e per chi partecipa.
Facciamo un esempio concreto: uno dei partecipanti al nostro Corso InDesign Base, Tommaso, doveva impaginare e far stampare una brochure per l’azienda in cui lavorava. Tutto ruotava attorno ad un colore verde specifico, usato dall’azienda per tutta la comunicazione cartacea e online. Quando ha ricevuto le stampe realizzate dallo stampatore, Tommaso si è reso conto che il colore stampato non era affatto identico a quello che avrebbe dovuto essere, nonostante fosse certo di averlo impostato correttamente a monitor!
A questo punto le domande sono molte: da dove deriva questo errore? Che cosa avrebbe dovuto fare per evitarlo?
Per dare una risposta certa, occorre fare un passo indietro e ripassare le nozioni base sul colore in stampa.

La gestione del colore: scegliere in fase di progettazione
Chi si occupa di grafica, dedica tempo alla scelta consapevole del colore durante la progettazione grafica e lo fa grazie agli strumenti che mettono a disposizione tutti i software di grafica (Photoshop, Illustrator, Indesign, Xpress, …). È una scelta che si può fare selezionandoli dalle librerie di colori (messe a disposizione dai programmi) attraverso una serie di campionari basati su diversi sistemi di colore.
Per fare in modo che nel tuo progetto, una volta terminato, i colori stampati corrispondano alle tue scelte, occorre avere chiari i concetti di mazzette e campionari, ma soprattutto quadricromia e PANTONE.
Vediamo qui di seguito che le differenze tra questi due sistemi colore: quadricromia e colori PANTONE.

Grafica creativa: cosa scegliere tra quadricromia e colori Pantone?

Cos’è la quadricromia
Partiamo dalla definizione di quadricromia: parlando di colore in ambito di stampa, la quadricromia è un sistema di colori derivante dalla sintesi sottrattiva.
Ci riferiamo di fatto ai colori (primari) derivanti dalla materia o, ancor più precisamente, dai pigmenti: gli oggetti vengono colpiti dalla luce, assorbono solo alcune lunghezze d’onda e a loro volta ne riflettono altre. Il colore quindi, o meglio il pigmento, viene determinato dai colori “sottratti” dalla luce bianca.
Ma cosa significa la sigla CMYK, che indica appunto la quadricromia? CMYK indica i colori primari: C=cianoM=magentaY=yellow (giallo) e K=key black (nero). La somma dei tre colori primari dà una sorta di marroncino-nero, che però, non essendo nero puro, necessita l’aggiunta di un quarto colore/pigmento (il K), che non è altro che un nero artificiale che in stampa avrà una resa migliore e più profonda.
Partendo dai 3+1 colori primari abbiamo quindi la possibilità di creare colori secondari e terziari, dando così vita, attraverso la loro miscelazione, ad una quantità di colori e tonalità molto considerevole.

Grafica creativa: cosa scegliere tra quadricromia e colori Pantone?

Che cosa sono i colori PANTONE
Oggi la parola PANTONE è molto nota e tutti la collegano automaticamente ai colori, grazie soprattutto alla moda e alle tendenze degli ultimi anni, dal momento che sentiamo molto parlare di “colori di tendenza” e ”colore dell’anno”.
Ma da dove derivano i colori PANTONE? Si tratta di un sistema colore che prende il nome dall’azienda americana che li ha inventati; è un’azienda che si occupa di tecnologie per la grafica, della catalogazione dei colori e della produzione del sistema di identificazione di questi ultimi. Questo sistema si chiama Pantone Matching System®: è diventato il riferimento internazionale in ambito grafico, ma anche per la gestione dei colori in ambiti industriali come per esempio il design, la moda, il make up.
Il Pantone Matching System® viene utilizzato in particolare dagli stampatori che lavorano in ambito commerciale, dove c’è la necessità di riprodurre determinati colori con estrema precisione. Ad esempio: loghi packaging sono creati con specifici colori PANTONE, che possono essere riprodotti (anche a distanza di tempo) mantenendo una corrispondenza colore precisa e affidabile.
Infatti l’azienda, che inizialmente produceva colori destinati solo all’ambito della grafica stampata, ha avuto l’idea di catalogare attraverso dei codici precisi tutti i colori prodotti, creando un vero e proprio campionario (in continuo ampliamento) consultabile attraverso quelle che in Italia vengono chiamate “mazzette PANTONE”.
Con l’utilizzo dei colori PANTONE, si potrà essere sicuri che il risultato di produzione avrà una corrispondenza all’altezza delle aspettative. Inizialmente il Pantone Matching System® contava 504 colori: da allora il numero è cresciuto molto e ad oggi conta diverse migliaia di colori.

Grafica creativa: cosa scegliere tra quadricromia e colori Pantone?

Quadricromia o colori PANTONE: cosa scegliere in stampa
La risposta non è univoca poiché dipende dal risultato che si vuole ottenere e dal budget che si ha a disposizione.
Per ottenere buoni risultati, basta calibrare correttamente monitor e stampanti; ma per ottenere una una corrispondenza colore precisa, è necessario l’utilizzo dei colori PANTONE. Per capire meglio, vediamo un esempio concreto. Se abbiamo necessità di stampare una brochure, che include sia immagini che testi, ma anche un logo e un layout grafico con colori aziendali precisi, allora questa è la soluzione migliore: progettare e stampare utilizzando sia la quadricromia, per immagini e testi, sia i colori PANTONE, per logo e layout.
Ritornando al problema iniziale riscontrato da Tommaso: probabilmente, nel suo caso, non aveva né calibrato correttamente monitor e stampanti, né utilizzato colori PANTONE; questi sono i motivi dell’esito inaspettato in fase di stampa.
Quindi per ottenere in stampa un risultato coerente e corrispondente a quanto impostato in fase di progettazione grafica, sono necessari un allineamento tra progettista e stampatore e l’utilizzo di un sistema colore idoneo ai risultati che si vogliono ottenere.

Corsi di progettazione grafica: la gestione del colore
Vuoi saperne di più sul mondo dei colori in ambito grafico? Ne parliamo spesso nei nostri corsi di grafica creativa, impaginazione e editoria.
Veni a scoprire tutti i segreti del mestiere sulla gestione del colore con i software di grafica Adobe e sulla stampa dei file a 4 colori o con pantoni aggiuntivi:
Corso Illustrator Base
Corso Illustrator Avanzato
Corso InDesign Base
Corso InDesign Avanzato

Offerte Speciali

iPad Pro 2020 disponibili per l’ordine su Amazon: in arrivo mercoledì 25 marzo

iPad Pro 2020 disponibili su Amazon con spedizione pronta

Su Amazon gli iPad Pro 2020 sono finalmente disponibili per l'acquisto e la spedizione. A casa vostra la metà della prossima settimana
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,344FansMi piace
94,926FollowerSegui