Helvetica Now, il font più famoso di sempre si rinnova dopo 35 anni

Rinnovato uno dei font più famosi e importanti di sempre. Helvetica​​ Now è una famiglia di font che Monotype dice di avere riprogettato "rispettosamente e con molta attenzione", per l'era moderna

Helvetica​​ Now

Helvetica Now è la versione moderna e rivista del font più famoso e diffuso di sempre: non a caso era integrato di serie con il primo rivoluzionario Macintosh del 1984.

Il nuovo font Helvetica Now arriva da Monotype, azienda nota in ambito tipografico per la creazione di caratteri di stampa: ricordiamo che l’originale e famosissimo Helvetica è un carattere tipografico creato nel 1957 da un’idea di Eduard Hoffmann, direttore della fonderia Haas di Münchenstein in Svizzera, disegnato da Max Miedinger.

Helvetica​​ Now è una famiglia di font che Monotype dice di avere riprogettato “rispettosamente e con molta attenzione” per l’era moderna. Si tratta di 48 font con tre dimensioni ottiche (asse che permette di usare un carattere garantendo leggibilità ottimale a una determinata dimensione, con disegni che tengono conto dell’occupazione specifica di dimensione e spazi occupati).

È la prima volta in 35 anni che il font Helvetica viene ridisegnato e, secondo i nuovi progettisti, il design è ancora più ricercato ed elegante di prima.

Helvetica​​ Now, la versione moderna e rivista del font Helvetica

Helvetica è uno dei font più famosi di sempre. È un san-serif (senza grazie) molto lineare. La sua semplicità e chiarezza lo rendono utile in vari frangenti ed è usatissimo: in poster, pubblicità, marchi aziendali, nel signage per i sistemi di trasporto, nelle stampe d’arte e in moltissimi alri campi della comunicazione.

Dal 1989 il font Helvetica è – tra le altre cose –  il carattere tipografico ufficiale per l’intera segnaletica della città di New York, dalla metropolitana ai treni, dai cartelli stradali alle mappe della città. Su Mac è incluso fin dal primo modello del 1984 come carattere di sistema, scelta che contribuì non poco alla sua diffusione.

Come accennato, questo carattere fu ideato dal designer elvetico Max Alfons Miedinger, ma richiesto da un altro svizzero, Eduard Hoffmann, che nel 1957 era a capo della fonderia tipografica Haas, fondata nel 1600 a Basilea. Il nome che venne assegnato inizialmente al font era “Neue Haas Grotesk”, (l’indicazione “Grotesk” fa riferimento una tipologia di caratteri senza grazie); nel 1960 venne rinominato Helvetica, usando l’aggettivo latino di Svizzera.

Il nuovo Helvetica Now offre tre varianti ottiche: Micro, Display e Text. Helvetica Now Micro è indicato come ideale per risolvere problemi di leggibilità anche in documenti con testi di piccole dimensioni (da 4 a 7 punti).

Helvetica Now Micro offre più aperture, forme ampie e una x-height  (letteralmente l’altezza della “x”) superiore, accenti più evidenti, aggiustamenti ottici e varie piccole rifiniture che consentono di migliorare ulteriormente la lettura. In genere la dimensione ottica di un font più piccolo, ad esempio 10 punti, comporta minor contrasto tra linee spesse e sottili, una altezza maggiore e una spaziatura maggiore rispetto ai font progettati per una dimensione ottica di 72 punti.

Helvetica Now Display offre “peso” (riferimento allo spessore di un testo) variabile da “Hairline” ad “Extra Black” con spaziature appropriate indicate dai 14 punti in poi. Usando questa variante non è necessario il trimming (la rimozione di spazi indesiderati) o interventi manuali alla spaziatura e al kerning ottico, il ridimensionamento e riposizionamento di segni di interpunzione in alcuni casi necessario con la vecchia versione.

Helvetica Now Text è indicato come “una bestia da soma”, disponibile con “pesi” che variano da “Thin” a “Black” con curata attenzione alla spaziatura e al kering. A detta di Monotype è piacevole da leggere e integra un’ampia palette di simboli adatti a chi si occupa in modo professionale di design.

I singoli font della famiglia Helvetica Now sono venduti 35 euro cadauno; l’intera famiglia è venduta 299 euro. Il solo Helvetica Now Display Black sarà scaricabile gratuitamente dal sito MyFonts.com a partire dall’8 luglio 2019.