fbpx
Home Macity Internet I distretti scolastici USA mettono al bando Zoom: troppi rischi per la...

I distretti scolastici USA mettono al bando Zoom: troppi rischi per la privacy

Con la pandemia da coronavirus in corso, i servizi di conferenza di Zoom sono diventati negli ultimi giorni molti noti in tutto il momdo per la possibilità che offrono di combinare videoconferenze, riunioni online, chat e collaborazione mobile.

La società specializzata in teleconferenze si è trovata travolta da un numero impressionante di utenti e  il numero maggiore di utilizzatori ha consentito di portare a galla una serie di problematiche piuttosto importanti sul versante privacy e sicurezza. I problemi sono tanti e tali al punto che alcuni distretti scolastici negli USA, inclusi grandi distretti come quelli di New York City e della Contea di Clark in Nevada, hanno messo al bando Zoom per problemi di sicurezza e privacy. Altri istituti ancora, come l’Edmonds School District nello stato di Washington e l’Alpine School District nello Utah, stanno rivedendo le loro policy sull’uso di Zoom. Non sorprende che molti stanno pensando di abbandonare Zoom per passare a servizi concorrenti come quelli possibili con Microsoft Teams.

Le fonti di preoccupazione sono numerose: una combinazione di tangibili problemi di privacy e sicurezza, all’assenza di funzionalità di cifratura end-to-end che rendono possibile l’intercettazione delle videoconferenze, per non parlare del problema dello “Zoombombing”, azioni di disturbo  da parte di soggetti che si introducono nelle  videochiamate e riunioni a distanza, trasformando queste in aggressioni sceme e nel peggiore dei casi anche in aggressioni verbali, messaggi pornografici, razzisti e offensivi.

Zoom ha risolto la vulnerabilità del client Mac ma rischi potenziali sono possibili con app simili

In una dichiarazione al Washington Post, un portavoce di Zoom ha riferito che le problematiche su privacy e sicurezza sono prese “molto sul serio” dall’azienda. L’impressione però è che questa si sia trovata a dover gestire qualcosa molto più grande di quanto consentano le sue risorse. Sono stati ad ogni modo apportati cambiamenti come l’impossibilità di partecipare senza invito a determinati eventi, ma resta ancora molto, moltissimo da fare. Zoom potrebbe perdere un treno che non passerà mai più..

Intanto negli USA c’è una inchiesta in corso e si è scoperto anche un legame molto forte con aziende cinesi non vista di buon’occhio negli USA. A questo indirizzo trovate una dettagliata analisi tecnica dei vari problemi di Zoom. Per quanto riguarda il problema dello Zoombombing, la società ha condannato gli episodi e riferisce che i suoi servizi erano progettati per incontri di lavoro e non per gli usi che molti ne stanno facendo in questo periodo. Tra i suggerimenti: organizzare private (controllando l’accesso con password), evitare di condividere i link di accesso a videoconferenze, impedire ai partecipanti di condividere il proprio schermo con le altre persone e infine, usare sempre la versione più aggiornata dell’app.

Offerte Speciali

Torna l’ iPhone 11 Pro ribassato a 999 €: sconto mai visto

Sconto boom: iPhone 11 Pro Max e iPhone 11 Pro a 999 euro

Arriva la migliore promozione Amazon: iPhone 11 Pro Max 64 Gb: solo 999 euro invece che 1289€.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,363FansMi piace
94,733FollowerSegui