Sto caricando altre schede...

Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Eventi » I piccoli vincitori della Swift Student Challenge di WWDC 2022

I piccoli vincitori della Swift Student Challenge di WWDC 2022

Pubblicità

Ogni anno, in vista della Worldwide Developers Conference di Apple, giovani di talento da tutto il mondo mettono in luce le loro abilità nel campo della programmazione con Swift Playgrounds. Quest’anno, Apple ha ricevuto – tra gli altri – i lavori di Jones Mays II, Angelina Tsuboi e Josh Tint, che hanno partecipato per la prima volta in assoluto alla Swift Student Challenge.

Tutti e tre hanno sfruttato le possibilità del coding per creare app che contribuiscono a risolvere i problemi delle loro comunità e fanno parte degli oltre 350 studenti provenienti da 40 Paesi e territori che sono stati selezionati come vincitori della Swift Student Challenge 2022.

La Swift Student Challenge è solo una delle numerose iniziative della WWDC22: il programma include anche keynote, eventi, laboratori e workshop online e gratuiti per la comunità degli oltre 30 milioni di sviluppatori Apple di tutto il mondo. Mays, Tsuboi e Tint attendono che la WWDC prenda il via il 6 giugno per scoprire quali sono le tecnologie, gli strumenti e i framework più recenti che li aiuteranno a sviluppare le loro già notevoli capacità di coding per creare la prossima generazione di app rivoluzionarie.

Per progettare con Swift Playgrounds l’app Ivy e vincere la challenge, Jones Mays II, di diciassette anni, ha preso ispirazione dalla propria famiglia. “Mio nonno aveva un orto che amava, coltivava così tanto cibo che le persone del quartiere potevano entrare e prendere ciò di cui avevano bisogno”, ricorda Mays, che inizierà presto l’ultimo anno di scuola superiore a Houston, in Texas. “Negli ultimi anni non poteva camminare, così lo aiutavo io a piantare i semi. Prima di farlo però dovevamo liberare l’orto dalla Pueraria montana e dalle altre piante infestanti. Non si finiva mai.”

Mays ha deciso di creare un’applicazione che onorasse la memoria del nonno, scomparso qualche anno fa, per aiutare gli amanti del giardinaggio a identificare e liberarsi delle piante invasive.

“È stato molto divertente programmare per dare sfogo alla mia creatività e mettere in luce le mie passioni”, ha affermato Mays. “Swift è uno strumento davvero fantastico, l’ho scoperto circa un anno fa e adoro che sia così facile da usare.” Quest’estate, Jones aiuterà altre persone a imparare i linguaggi di programmazione come Swift.

“Aiuterò ragazzi e ragazze a capire cosa significa studiare l’informatica”, ha affermato Mays. “Credo fortemente che i concetti e le nozioni che si imparano in questo ambito possano essere applicati anche altrove.”

Non è affatto un caso che Mays si dedichi all’insegnamento, venendo da una famiglia di docenti ed educatori, fra cui sua madre, suo fratello e anche il nonno, che avrebbe apprezzato molto l’app che Mays ha creato in suo onore. “Era un uomo di poche parole”, ha raccontato Mays. “Ma mi direbbe che ho fatto un buon lavoro.”

I vincitori della WWDC22 Swift Student Challenge
Jones Mays II

Quando si tratta di risolvere problemi, Angelina Tsuboi, sedicenne californiana di Redondo Beach, non si limita a sceglierne uno solo. Oltre al progetto Swift Playgrounds sulle tecniche di rianimazione cardiopolmonare che le è valso la vittoria, Tsuboi ha anche lavorato a un prototipo per il monitoraggio della qualità dell’aria, ha creato un sito web per cercare organizzazioni di soccorso e ha sviluppato un programma di comunicazione scolastica che ha vinto la Congressional App Challenge del suo distretto.

Secondo Tsuboi, “La vita è piena di problemi e tutti abbiamo difficoltà a gestire qualcosa”. “Programmare mi ha dato un senso di speranza. Mi ha offerto gli strumenti per identificare i problemi vissuti dalla mia comunità e dai miei amici e mi ha permesso di usare le mie abilità per cercare di aiutarli.

Il progetto che le sta più a cuore è l’app Lilac, lanciata lo scorso marzo sull’App Store.
“Mia mamma viene dal Giappone e mi ha cresciuta da sola”, ha affermato Tsuboi. “Quando è venuta qui non parlava bene la lingua, così ho pensato di creare un’app che le persone nella sua stessa situazione possono usare per trovare informazioni sui servizi per l’infanzia, gli alloggi o le sovvenzioni, ma anche traduttori del posto che possano aiutare a gestire questi aspetti”. Il desiderio di aiutare gli altri di Tsuboi, è molto forte e la spinge a continuare a cercare nuovi progetti a cui dedicarsi. “Aiutare gli altri ti consente di rimanere umile e di non perdere il contatto con la comunità di cui fai parte”, ha dichiarato Angelina Tsuboi. “Trasforma il mondo in un posto migliore, mi riempie di gioia pensare che sto facendo qualcosa per aiutare le persone ad affrontare il caos in cui viviamo.”

I vincitori della WWDC22 Swift Student Challenge
Angelina Tsuboi

Josh Tint ama le parole. Il diciannovenne di Tucson, Arizona, ha appena concluso il primo anno alla Arizona State University dove studia linguistica, dedicandosi in particolare alla linguistica lavanda, vale a dire lo studio del linguaggio usato dalla comunità LGBTQ+.

Per il suo progetto Swift Playgrounds che l’ha portato alla vittoria, Tint ha sviluppato un’app che consente alle persone che stanno definendo la propria identità di genere di provare pronomi diversi.

“Il mio algoritmo inserisce pronomi differenti in testi di esempio”, spiega Josh. “Puoi fare swipe a destra o a sinistra per capire se un certo pronome ti piace o meno e se è adatto alla tua identità di genere.”

Tint ha tratto ispirazione dal proprio percorso personale per creare l’app.  “Mi sono posto domande sulla mia identità di genere e so per espeirenza che non esistono ancora molte risorse in grado di aiutare in tal senso”, ha affermato Tint. “Volevo sviluppare uno strumento che potesse aiutare me e le altre persone, desideravo che la mia app aiutasse a raccontare una storia.”

I vincitori della WWDC22 Swift Student Challenge
Josh Tint

Tint ha imparato da solo a programmare all’inizio della scuola superiore e ha creato un algoritmo in grado di suddividere le poesie in frasi e scriverle. Lo ha utilizzato per un concorso di poesia e ha vinto.

Da quel momento ha anche iniziato a studiare Swift e crede che si presti bene a ciò che sta facendo nel campo della linguistica.

“Adoro il framework per il linguaggio NL di Swift”, spiega Tint. “È davvero potente ed è l’ideale per scrivere script, io l’ho usato per creare modelli di apprendimento automatico che aiutassero ad analizzare la lingua parlata.”

In futuro, Tint desidera sfruttare le sue conoscenze di linguistica e programmazione per creare algoritmi che possano migliorare i bias.  “Al momento, la maggior parte del lavoro che è stato svolto interessa poche lingue e riflette i bias delle persone che scrivono tale codice”, ha affermato Josh Tint. “Dobbiamo superare queste limitazioni e iniziare a progettare nuovi modelli con un numero maggiore di parametri e set di dati più inclusivi. Se non includiamo le storie delle comunità meno rappresentate nei processi, in futuro sarà molto difficile rimediare ai danni compiuti.”

Rimandiamo a questo articolo di macitynet per sapere tutto quello che Apple potrebbe presentare, tra nuove versioni dei sistemi operativi ma anche possibili novità hardware, in occasione della conferenza mondiale degli sviluppatori Apple WWDC 2022.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Risparmio da 300€ per MacBook Air M2, solo 975 euro

Amazon sconta sullo sconto Apple per il MacBook Air M2 da 256 GB: lo pagate solo 975 euro. 300 meno del prezzo di ufficiale con uno sconto del 19%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità