Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Icahn scrive a Cook: Apple è sottostimata, riacquisti le proprie azioni

Icahn scrive a Cook: Apple è sottostimata, riacquisti le proprie azioni

Apple è sottostimata, secondo il corporate raider Carl Icahn. Forte investitore in Apple (ne controlla circa l’1%), oggi Icahn ha pubblicato una lettera aperta al Ceo Tim Cook, chiedendo con forza che il board di Cupertino si impegni per un robusto piano di buyback da mettere in pratica il prima possibile. «Apple è profondamente sottostimata oggi sul mercato, e più azioni ricompreremo ora, più ogni azionista ne trarrà beneficio dalla crescita dei guadagni», ha scritto Icahn, che ha fatto un appello diretto a Cook: «Ti chiediamo di aiutarci a convincere il Consiglio di amministrazione a ricomprare più azioni e presto».

L’obiettivo dichiarato di Icahn, dunque, è quello di sostenere il valore azionario di Apple, che oggi stazionano intorno a quota 100 dollari, ma che secondo il finanziere dovrebbero essere stabili oltre i 200, per la precisione 203 dollari, scrive.

Lo strumento da impiegare in questa operazione sono parte degli oltre 150 miliardi di dollari che Apple ha nel portafoglio: una liquidità sterminata, paragonabile a quella di uno Stato sovrano e che la rendono una delle aziende al mondo con la maggior disponibilità, scelta storica da parte del board di Cupertino e figlia di una decisione strategica che risale sin ai primi periodi in cui Steve Jobs era tornato alla guida. Ma i record che detiene Apple sono anche sul fronte patrimoniale, con una capitalizzazione che le assegna lo stesso primato che ha sul fronte della cassa. Un intervento delle proporzioni che suggerisce Icahn sicuramente avrebbe effetti a catena, che del resto sono apprezzabili ogni volta che il titolo ha delle fluttuazioni in occasione della presentazione di nuovi prodotti o delle trimestrali di cassa: un flessione lieve dal punto di vista percentuale sul titolo ha effetti sulla volatilità non solo del Nasdaq, ma anche di tutta Wall Street, così come un suo apprezzamento in diverse occasioni è bastato a salvare dall’Orso la borsa americana.

Non è la prima volta che Icahn (proprietario di oltre 50 milioni di azioni, che concorrono in una buona misura a renderlo uno degli uomini più ricchi del mondo) fa pressioni in questo senso su Cook. Per altro sempre respinte.

In ogni caso Icahn, famoso per la sua intraprendenza che sfiora la vera e propria arroganza, in questo caso va con i piedi di piombo e dedica parte della sua lunga e complessa lettera all’elogio del management di Cupertino. «Questa lettera – spiega – non deve essere intesa come una critica a quello che tu e il tuo team state facendo. Al contrario non possiamo non sostenerti per l’ottimo lavoro. Il tuo team continua a cambiare il mondo grazie alle innovazioni tecnologiche».

Nella parte conclusiva della lettera, poi, la presa in rassegna dei principali prodotti contrassegnati dalla mela morsicata, con apprezzamento per il nuovo Apple Watch e una nuova richiesta: l’introduzione, entro due anni, di una UltraHD TV.

Inatnto da Apple arriva una risposta diplomatica, riportata dalla CNBC: «Apprezziamo sempre ascoltare l’opinione dei nostri azionisti»

Apple è sottostimata

 

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità