Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Voci dalla Rete » Il turista italiano all’estero? Pizza, spaghetti e smartphone

Il turista italiano all’estero? Pizza, spaghetti e smartphone

Il turista italiano all’estero? Non è solo ossessionato da cibo, donne e igiene, non è solo quello che va a caccia di magneti e palle di neve senza un itinerario preciso e indossa borse e scarpe alla moda anche se fa una gita in campagna: si distingue per essere sempre attaccato allo smartphone, miglior compagno di viaggio da sfruttare al massimo e da non perdere mai e poi mai di vista, neanche di fronte a un panorama mozzafiato, a splendide opere d’arte o a un luogo sacro. Ad aggiungere l’aspetto di “molesto utilizzatore di prodotti hi-tech” allo stereotipo dell’italiano all’estero è ora lo studio di Expedia e Egencia, che fa un ritratto del turista italiano tipico che si può sintetizzare in “pizza, spaghetti e smartphone”.

La ricerca, uno studio globale sul comportamento e sulle preferenze dei viaggiatori in tutto il mondo, rivela che il turista italiano è una vera e propria macchietta hi-tech: il 97% degli italiani non può fare a meno del proprio dispositivo mobile all’estero e quindi, se state camminando in riva al mare o nel centro storico di una grande città e individuate un turista con smartphone alla mano e borsa porta tablet o laptop a tracolla, che non si accorge del monumento che ha di fronte a sè, ma che cerca disperatamente un ristorante che offra tagliatelle alla bolognese con prezzi da Mac Donald, allora state certi che è un italiano. I dati parlano chiaro: il 75% degli italiani ritiene indispensabile lo smartphone nella vita quotidiana in vacanza, il 73% si connette in roaming e l’81% utilizza il telefono per la pianificazione del viaggio.

Un uso senza limiti della tecnologia ha ripercussioni anche sul fronte delle buone maniere. Che l’italiano sia chiassoso, o comunque mediamente più chiassoso di un norvegese, di un tedesco e di un francese (anche messi tutti e tre insieme), è risaputo e non serviva una ricerca per dirlo, ma la possibilità di utilizzare uno smartphone ha amplificato questo tratto comune del carattere nazionale. La stragrande maggioranza degli italiani, infatti, non ritiene offensivo o poco rispettoso nei confronti delle persone vicine fare chiamate in vivavoce (offensivo solo per il 58% degli abitanti dello Stivale), fotografare persone a loro insaputa (36%), ascoltare musica, giocare o guardare video senza auricolari (solo per il 46%), fare telefonate al ristorante (il 38% lo reputa un comportamento scorretto), approfittare di chiamate con Facetime o Skype (sconveniente solo per il 18%), per non parlare poi dell’alta tolleranza nei confronti degli avvisi sonori ad alto volume e delle fotografie di piatti e bevande (solo il 16% non li sopporta).

Ben vengano dunque i viaggi all’estero, purchè l’hotel scelto abbia il wi-fi gratis (servizio essenziale per il 50% degli italiani), e con uno smartphone come compagno di avventure: in mezzo a tanti stranieri, se viene un po’ di nostalgia di casa, c’è sempre Siri con cui parlare in italiano.

Expedia_mobile-index-infographic-3

 

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità