Home Hi-Tech Finanza e Mercato Indiscrezioni e ottimismo sulle vendite di Natale, record di AAPL

Indiscrezioni e ottimismo sulle vendite di Natale, record di AAPL

azioni

Nuovo record storico per AAPL. I titolo di Cupertino dopo avere infranto quota 209 dollari la vigilia di Natale, nel primo giorno di contrattazioni dopo la festa del 25 dicembre ha battuto anche quota 213 arrivando a sfiorare quota 214. Apple ha spiccato il volo sulle ali della moderatamente positiva intonazione di Wall Street ma anche e soprattutto sui due pilastri tradizionali su cui si reggono gli entusiasmi degli investitori in Apple: le indiscrezioni su un nuovo prodotto e le prospettive di profitti da record.

Il prodotto di cui si rumoreggia è chiaramente il tablet su cui anche oggi sono rimbalzate le ormai frequentissime indiscrezioni. Il “rumor du jour” riguarda alcuni produttori di componenti taiwanesi e cinesi che avrebbero ricevuto ordini per la consegna di elementi utili alla realizzazione del dispositivo, in particolare display e connettori. Le indiscrezioni sono ormai tanto insistenti che anche gli analisti (come spesso accade) si sono lanciati in previsioni sulle possibili vendite del dispositivo: secondo Munster Apple potrebbe venderne 1,62 milioni nell’arco di tempo che va da marzo a fine anno, circa 2 milioni sull’arco dei 12 mesi.

A spingere i corsi di Apple sono state anche le previsioni di Broadpoint.AmTech che in un rapporto del suo analista Brian Marshall stima in oltre 11 milioni gli iPhone venduti nel trimestre di Natale. Se la soglia fosse davvero raggiunta Cupertino batterebbe del 50% le vendite registrate nel precedente quarto fiscale e del 30% le previsioni di Wall Street che ruotano intorno agli 8,8 milioni di unità . Il successo di iPhone sarebbe molto forte a livello internazionale dove avrebbe conseguito un tasso di crescita del 100% a livello sequenziale, molto di più del +40% realizzato da Rim con i suoi Blackberry che, per altro, hanno battuto per la prima volta i 10 milioni di unità . Proprio nei paesi con un reddito pro capite di almeno 20mila dollari ci sarebbero le migliori opportunità , scrive Marshall, per Apple. In queste nazioni Cupertino ha solo lo 0,8% del mercato post pagato degli operatori con cui lavora, contro il 5% di AT&T.

Per queste ragioni l’analista ha portato il target di prezzo di AAPL a 260$; incremento del target anche da Doug Reid di Thomas Weisel Partners che ha fissato in 250$ il valore potenziale del titolo Apple.

In conseguenza di questo flusso, un misto di indiscrezioni e ottimismo, il titolo di Apple è arrivato a quota 213,95 prima di retrocedere a 211,61$ che resta comunque il record storico per le azioni Apple.

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,809FollowerSegui