Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Jefferies prevede problemi per Apple: iPhone 5S in ritardo e low cost troppo costoso

Jefferies prevede problemi per Apple: iPhone 5S in ritardo e low cost troppo costoso

Nelle ultime settimane gli allarmi sul calo del business della Mela non conoscono sosta ed oggi è la volta di Jefferies: anche il nuovo report dell’analista Peter Misek prevede problemi e ribassi per la multinazionale di Cupertino. In particolare sono anticipati problemi sulle prossime linee iPhone: per il nuovo iPhone 5S sembra che i costruttori abbiano incontrato problemi nel realizzare i case in vari colori attesi per la prossima generazione, un intoppo di produzione che potrebbe far slittare il lancio tra luglio e settembre, in ritardo rispetto a giugno come inizialmente previsto.

I problemi poi si estenderebbero anche all’iPhone low cost di cui Apple non ha mai annunciato ufficialmente nulla ma che osservatori e anticipazioni indicano in arrivo entro quest’anno. In precedenza Misek aveva indicato componenti e specifiche inferiori agli altri iPhone e case in materiali plastici, soluzioni che avrebbero ridotto il prezzo fino alla soglia dei 350 dollari. Ora invece l’analista ritiene che Apple integrerà uno schermo Retina da 4 pollici e persino lo stesso processore di iPhone 5S, dettagli che farebbero alzare il prezzo atteso fino a 450 dollari, un dettaglio che renderebbe meno appetibile l’iPhone economico soprattutto nei mercati emergenti in cui è atteso un intervento significativo da parte di Apple nei prossimi mesi.

Oltre alla previsioni sui prodotti futuri, il report riduce anche le previsioni di vendita di iPhone 5 che scendono dai precedenti 37,5 milioni a 35 milioni. Per questa ragione Jefferies ritiene che Apple registrerà un ricavo di 41 miliardi di dollari nel trimestre corrente ma che esiste una probabilità del 25% che non verranno raggiunti i risultati previsti in precedenza da Cupertino. Il calo delle vendite di iPhone 5 potrebbe risultare ancora più marcato nella seconda metà di marzo con l’annuncio del nuovo Samsung Galaxy S4.

Vale infine la pena ricordare che nel report di Jefferies iPhone viene addirittura paragonato ai terminali di alcuni costruttori che negli ultimi anni hanno registrato bruschi cali nelle vendite perché non più considerati top e fashion dal pubblico, in particolare Motorola, BlackBerry e HTC: “Storicamente quando un costruttore di smartphone non incontra più le preferenze degli utenti, così come è successo con RAZR, BlackBerry e HTC il calo risulta più veloce, più rapido del previsto”, una previsione ulteriormente negativa in previsione della maggiore concorrenza per iPhone nel settore smartphone. Per tutte le ragioni viste fino a questo punto secondo Jefferies il prezzo previsto delle quotazioni Apple è stato ridimensionato: dai precedenti 500 dollari agli attuali 420 dollari per azione, prezzo stimato addirittura inferiore alle quotazioni attuali in borsa.

Va comunque tenuto presente che storicamente Misek di Jefferies non vanta un curriculum brillante nel prevedere le mosse di Apple: la maggior parte delle anticipazioni si sono rilevate infatti poco precise quando non completamente errate.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità