La partnership tra Apple e SAP si rafforza con le tecnologie di apprendimento automatico

Ancora più forte la partnership tra la Mela e SAP con le tecnologie di machine learning. Nuovi SDK per iOS e macOS che sfruttano la tecnologia CoreML di Apple.

Apple e SAP

Tre mesi dopo il completamento dell’acquisizione di Qualtrics, pioniere della categoria software per l’experience management (XM), SAP ha presentato nuove offerte che combinano il potenziale trasformativo degli Experience data (X-data) – l’unione tra i dati e gli insight sull’experience di Qualtrics con i dati operativi (O-data) provenienti dal software di SAP – permettendo ai clienti di gestire meglio supply chain, business network, dipendenti e processi core.

SAP e Apple hanno inoltre annunciato che la tecnologia di machine Learning on device “CORE ML”, sarà disponibile come parte del SAP Cloud Platform SDK per iOS. La nuova versione di questo SDK, disponibile a fine mese, permetterà di creare app iOS “intelligenti” e personalizzate gestibili dalla piattaforma Leonardo di SAP, una combinazione di tecnologie e servizi che consentono di ottimizzare i processi e le risorse di una azienda.

I modelli per l’apprendimento automatico potranno essere caricati su iPhone e iPad, consentendo l’esecuzione di app offline e l’aggiornamento dinamico quando è attiva la connessione alla Cloud Platform di SAP.

SAP

La rinnovata partnership con Apple, consente a SAP di ricreare molte app di questa azienda, integrandole ancora meglio con iPad e iPhone, aumentando la sicurezza e migliorando le performance. “Apple è in crescita nel settore enterprise”, ha spiegato Bill McDermott, CEO di SAP.

“I nostri clienti amano la sicurezza senza eguali e la facilità d’uso per il quale iOS è apprezzato, elementi che consentono di offrire una piattaforma superiore per la creazione di app che cambiano le carte in tavola. La nostra è una partnership solida e gli annunci di oggi mostrano l’impegno di SAP nel continuare a innovare con Apple”.

Il CEO di Apple Tim Cook e il CEO di SAP Bill McDermott nel campus della Mela a Cupertino.
Il CEO di Apple Tim Cook e il CEO di SAP Bill McDermott nel campus della Mela a Cupertino.

Il CEO di Apple, Tim Cook, ha dichiarato: “Gli utenti enterprise constatano reali benefici nelle loro attività quando usano iOS. Siamo entusiasti della decisione di SAP di voler estendere ulteriormente tali esperienze su iPhone e iPad, così come il porting per la prima volta su Mac. Si tratta di un importante traguardo per il nostro partenariato, e siamo entusiasti di lavorare con SAP offrendo ai nostri clienti i più fidati sistemi di elaborazione dati su iPhone, iPad e Mac, i migliori dispositivi per le aziende”.

Apple e SAP hanno annunciato nel 2016 una partnership, indicata come “volta a rivoluzionare” l’esperienza di lavoro in ambito mobile per le aziende di ogni dimensione, combinando app native per iPhone e iPad alle funzionalità della piattaforma SAP HANA. È stato creato un SDK (Software Development Kit) specifico per iOS e una academy di formazione per consentire a sviluppatori, partner e clienti di realizzare app iOS native progettate su misura rispetto alle loro specifiche esigenze aziendali. SAP ha già realizzato varie app native iOS per operazioni aziendali chiave. Sono app particolari, per accedere a dati critici aziendali, e che consentono di prendere decisioni e intraprendere azioni direttamente da iPhone o iPad, progettate per consentire, per esempio, a chi lavora sul campo, nella manutenzione, di ordinare ricambi o programmare interventi, oppure a un medico di condividere i dati più recenti dei pazienti con altri operatori sanitari.

SAP è una importante multinazionale che sviluppa software gestionale. È una delle principali aziende al mondo nel settore degli ERP e in generale nelle soluzioni informatiche per le imprese. Vanta tra i suoi clienti oltre 310.000 aziende.