HomeMacityInternetLe videochiamate Zoom sono crittografate solo per chi paga

Le videochiamate Zoom sono crittografate solo per chi paga

Zoom ha confermato che non offrirà le videochiamate crittografate end-to-end sugli account gratuiti. La scorsa settimana, il consulente per la sicurezza della società Alex Stamos ha rivelato che erano in programma piani per un rafforzamento della sicurezza sugli account a pagamento. Oggi è arrivata la conferma, con l’esclusione degli account gratuiti da questa nuova funzionalità.

Nell’ultimo annuncio sui risultati finanziari della società, Yuan ha dichiarato che Zoom vuole collaborare con le autorità, come l’FBI, nel caso in cui alcune persone utilizzino Zoom per scopi illegali. La società non vuole che gli account gratuiti vengano utilizzati per attività illecite. Per questo non offrirà le videochiamate crittografate end-to-end ai non paganti.

Secondo Stamos, Zoom affronta un “difficile equilibrio”, cercando di migliorare le garanzie sulla privacy. Ovviamente, il vertice della società è ben conscio del fatto che questa scelta, da sola, non sarà sufficiente ad evitare eventuali abusi sulla piattaforma.

Elon Musk si intromette in una videoconferenza con Zoom: Deepfake in tempo reale con l’IA

La società ha affrontato una serie di sfide negli ultimi tempi, in gran parte catalizzate dalla sua maggiore diffusione, dovuta certamente al lockdown da coronavirus. Solo ad aprile, infatti, si conta che la piattaforma abbia ospitato 300 milioni di partecipanti al giorno.

L’incremento di utenza, naturalmente, ha dovuto fare i conti con il possibile utilizzo malevolo della piattaforma da parte degli utenti. Zoom, in ogni caso, è consapevole che le attività illecite potrebbero solitamente provenire da account con identità false, e dunque anche da parte degli account a pagamento. Ad ogni modo, non fornire le videochiamate crittografate end to end agli account gratuiti, renderà più difficoltoso l’uso illegale della piattaforma da parte di utenti occasionali.

Ricordiamo che sono stati tanti gli aggiornamenti che hanno riguardato l’applicativo nelle scorse settimane. L’ultimo aggiornamento 5.0 ha risolto davvero tanti bug e non solo.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Coronavirus sono disponibili da questa pagina, invece per tutti gli articoli che parlano del rivale di Zoom Google si parte da qui. Di seguito vi proponiamo una serie di articoli correlati all’argomento:

Offerte Speciali

macbook pro 16 in sconto su amazon

MacBook Pro M1 16 da 1 TB su Amazon risparmiate quasi 400 Euro sul modello top

Su Amazon comprate in sconto il top di gamma dei MacBook Pro 16" disponibili online senza personalizzazion. Sconto del 10%, pagamento a rate senza interessi né garanzie e spedizione immediata.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial