Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Hardware e Periferiche » MacBook Pro 2011, Apple accusata di aver nascosto un difetto

MacBook Pro 2011, Apple accusata di aver nascosto un difetto

Negli Stati Uniti e in Canada differenti studi legali stanno da qualche tempo preparando una class action per conto di alcuni possessori di MacBook Pro 2011 da 15″ e 17″: alcuni utenti di questi modelli evidenziano problemi alla GPU dei computer in questione, con lo schermo che visualizza artefatti, righe o altri problemi tali da rendere impossibile l’uso del Mac se non dopo la sostituzione (a pagamento) dell’intera scheda logica.

Lo studio legale statunitense Whitfield, Bryson & Mason ha aggiunto un nuovo elemento di prova per l’azione collettiva affermando che Apple era al corrente del problema e avrebbe cercato di nasconderlo. Il riferimento è il rilascio dell’update a OS X 10.6.7 dopo il quali le performance delle schede video sarebbero state volontariamente ridotte, a detta dello studio al fine di evitare temperature elevate che con il tempo avrebbero danneggiato la GPU e creato il problema. Un esperto di hardware è stato assunto per eseguire specifici test e l’accusa spera di utilizzare le informazioni tecniche ottenute per dimostrare che Apple era al corrente del problema.

Il problema di alcuni MacBook Pro 2011 difettosi è emerso nei mesi passati e più volte ne abbiamo parlato su queste pagine: come spiegato la GPU inizialmente visualizza a schermo artefatti grafici, fino a rendere inutilizzabile il computer. Non esiste una soluzione software: per risolvere il problema è richiesta la sostituzione della scheda logica (la motherboard), una riparazione molto costosa (circa 600 euro in Italia) se la macchina non è più in garanzia. Anche dopo le riparazioni numerosi utenti segnalano tuttavia la ricomparsa del problema e il sospetto è che questo potrebbe dunque avere a che fare con un difetto intrinseco della GPU, della scheda madre, o con a dispersione del calore non adeguato all’interno della macchina che alla lunga creerebbe l’inconveniente.

Nel frattempo un specifica petizione su Change.org per convincere Apple a risolvere la questione, ha quasi raggiunto la quota delle 35.000 firme prefissate.

mnAXthHXPoSEnLn-580x326-noPad

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

iPhone 15 Plus per la prima volta in sconto su Amazon

Minimo storico iPhone 15 Plus, 128 GB a 979€, 256 Gb a 1099€

Su iPhone per la prima volta scende sotto il minimo il prezzo di iPhone 15 Plus da 128GB. Ribasso a 979€ che è il minimo storico. Versione da 256 GB a 1099

Ultimi articoli

Pubblicità