Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Meta vs Apple, per gli sviluppatori VR Facebook è ipocrita

Meta vs Apple, per gli sviluppatori VR Facebook è ipocrita

Pubblicità

Gli sviluppatori che lavorano sulle app in Realt Virtuale per i visori VR di Meta hanno accusato il proprietario di Facebook di ipocrisia sulle commissioni: questi dicono che il fondatore dell’azienda, Mark Zuckerberg, abbia descritto le commissioni del 15-30% di Apple come un “monopolio”, eppure Meta prenderà esattamente le stesse commissioni dalle sue le app di realtà virtuale.

Zuckerberg ha spesso inveito sulle commissioni che Apple addebita agli sviluppatori per la distribuzione di app tramite App Store. Durante una riunione a livello aziendale nel 2020, ad esempio, a Zuckerberg era stato specificamente chiesto un parere sull’allora recente decisione Apple di bloccare alcune app gaming, tra cui Microsoft xCloud e Facebook Gaming, perché contrario alle regole di App Store sulla distribuzione di giochi tramite piattaforma separata.

In risposta alla domanda, Zuckerberg dichiarò che Apple bloccava l’innovazione e consentito alla società di addebitare tasse, definite come “noleggi monopoli”. Adesso, il Financial Times osserva che Meta addebita le stesse commissioni di Apple e gli sviluppatori non ne sono contenti.

Il “Quest Store” per Oculus Quest 2 di Meta, di gran lunga il visore VR più popolare sul mercato, prende una commissione del 30% dagli acquisti digitali e addebita il 15-30 percento sugli abbonamenti, simile alle commissioni addebitate da Apple e Google

Diversi sviluppatori hanno riferito al Financial Times della loro frustrazione per il fatto che Meta, che è vista in vantaggio iniziale in un mercato nascente, abbia insistito su un modello di ricarica per il suo app store VR simile a quello che esiste oggi sugli smartphone. Questo nonostante il capo di Meta Mark Zuckerberg sia stato fortemente critico in passato sulle politiche di commissioni mobili esistenti.

La piattaforma VR di Meta è già di dieci volte rispetto a dicembre

Meta dice che c’è una differenza fondamentale: non c’è nulla che impedisca alle app Oculus di essere caricate sul visore tramite Side loading, quindi senza passare da Quest Store, installando le app direttamente dai siti web degli sviluppatori o dagli app store concorrenti.

Questo è vero, ma gli sviluppatori rilevano che in realtà la stragrande maggioranza degli utenti scaricano app esclusivamente dall’app Oculus. Da notare che in alcuni casi Meta applica una commissione che raggiunge quasi il 50%, secondo un portavoce di Meta alla CNBC:

Meta applicherà commissioni fino al 47,5% su ogni transazione. Ciò include una “tassa della piattaforma hardware” del 30% per le vendite effettuate attraverso il Meta Quest Store, dove vendere app e giochi per il tuo visore per realtà virtuale. Inoltre, Horizon Worlds addebiterà una commissione del 17,5%.

Apple stessa ha sottolineato l’ipocrisia all’inizio di quest’anno:

Meta ha ripetutamente preso di mira Apple perché addebita agli sviluppatori una commissione del 30% per gli acquisti in-app nell’App Store e ha utilizzato le piccole imprese e i creatori come capro espiatorio. Ora – Meta cerca di addebitare quegli stessi creatori molto più di qualsiasi altra piattaforma. L’annuncio di [Meta] mette a nudo l’ipocrisia della piattaforma. Dimostra che mentre cercano di utilizzare la piattaforma di Apple gratuitamente, prendono [soldi] felicemente dai creatori e dalle piccole imprese

L’ultima chicca: gli sviluppatori riferiscono, inoltre, che il processo di revisione delle app di Meta manca di trasparenza ed è peggiore di quello di Apple.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Prezzo sempre più giù per Apple Watch 9, sconto fino al 20%

Su Amazon gli Apple Watch 9 tornano in sconto e vanno ad un nuovo minimo. Li potete comprare con un ribasso di 90 € pagandoli anche a rate senza interessi
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità