Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Apple e Google si appellano a Biden per le norme coreane anti app-store

Apple e Google si appellano a Biden per le norme coreane anti app-store

L’App Store di Apple e il Play Store di Google sono a repentaglio per una proposta di legge in Corea del Sud che obbligherebbe le due aziende in questione ad accettare sistemi di pagamento alternativi e offrire alternative per gli acquisti in-app, bypassando i meccanismi che consentono di ottenere una percentuale dai vari pagamenti.

Se dovesse passare, la nuova normativa in Corea del Sud potrebbe essere la prima di questo tipo nel mondo. Apple e Google da mesi stanno facendo pressione per opporsi alla proposta, facendo appello direttamente a legislatori e funzionari governativi della Corea del Sud per bloccare quello che potrebbe diventare decreto legge.

A riferirlo è il New York Times spiegando che una federazione di aziende sotto il nome di Information Technology Industry Council, e che include Apple e Google, sta combattendo contro il disegno di legge in Corea del Sud, evidenziando che questo potrebbe violare il rispetto di accordi commerciali comuni.

App Store contro Google Play, meno download ma più ricavi

Il gruppo ha esortato il rappresentante di commercio degli Stati Uniti a esprimere preoccupazioni per il disegno di legge in Corea del Sud, spiegando che la proposta potrebbe violare un accordo del 2007 relativo alla discriminazione delle imprese.

In un report del rappresentante per il commercio si evidenziano preoccupazioni da parte dell’industria IT, affermando che il disegno di legge in Corea del Sud per permettere agli utenti di effettuare acquisti all’infuori di App Store e Play Store, sembra qualcosa pensata per prendere di mira specificatamente i fornitori di servizi USA e minacciare un tipico modello di business statunitense.

Portavoce di Apple avrebbero discusso del disegno di legge coreano con funzionari del governo USA anche presso l’ambasciata di Seoul, affermando che la proposta di legge oltretutto metterebbe a rischio la privacy degli utenti e complicherebbe non poco la gestione degli acquisti.

Per intervenire seriamente bisognerebbe convincere Biden, il quale ha più volte indicato la necessità di prendere di mira le big tech per arginare lo strapotere dei giganti di Internet come Google, Facebook, Apple, Amazon, Microsoft e via dicendo, evidenziando anche in patria la necessità di un massiccio pacchetto legislativo che andrebbe a revisionare le leggi vigenti su varie questioni antitrust.

Negli USA un nuovo gruppo di pressione sostenuto da Apple e Google sta prendendo posizione contro una proposta di legge che anche negli USA obbligherebbe aziende come Apple e Google a offrire ai rispettivi utenti non solo sistemi di pagamento alternativi ma anche store di app di terze parti.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di antitrust sono disponibili da questa pagina. Tutti gli articoli di macitynet che parlano di AppleFinanza e Mercato sono disponibili ai rispettivi collegamenti.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

I nuovi Beats Studio + per la prima volta in sconto, solo 164,99€

Oggi comprate i Beats Studio + al minimo storico, solo 149,99€

Su Amazon vanno in sconto al minimo storico, gli auricolari Beats Studio +. Sono i perfetti concorrenti, più ergonomici e con soppressione del rumore, degli Airpods 3 e costano oggi solo 149,99€, il prezzo più basso che hanno mai avuto

Ultimi articoli

Pubblicità