Recensione LaCie CloudBox, il NAS da salotto

Cloudbox è la soluzione di LaCie per l’archiviazione di rete domestica: pochi servizi ma una estrema semplicità e un silenzioso funzionamento adatto al salotto.

Con l’acquisizione di LaCie da parte di Seagate, è ovvio che l’azienda francese ha lasciato alla oramai casa madre tutta la parte di storage di rete, concentrandosi sulla parte di archiviazione locale, tra USB e Thunderbolt (di cui è in programma un test a breve). Resta però a listino il disco CloudBox, un prodotto ben più in linea con la produzione LaCie che Seagate, pensato per stare allegramente in salotto o comunque per un utilizzo domestico, piuttosto che fornire un piccolo o medio ufficio, laddove le esigenze sono ben più alte e specifiche.

Cloudbox è semplicità

Chi conosce LaCie apprezza da sempre l’impronta chiaramente di design che i prodotti della casa francese sfoggiano come marchio distintivo: l’affinità con i Mac è sempre stata alta, sia per le linee che per i colori dei case, dal bianco neutro al grigio satinato. Non fa eccezione il CloudBox, che in pratica è un parallelepipedo bianco lucido dagli angoli smussati, dove spicca nella parte frontale un LED azzurro che indica il funzionamento (posto appena sotto la parte frontale, per cui si vede di riflesso) e una parte posteriore che ospita il connettore Gigabit Ethernet e l’alimentazione.

Quello che ci è piaciuto in questa soluzione di storage di rete è la semplicità che permea tutta la soluzione: scaricata l’App Soluzione Seagate Network Assistant per Mac dalla pagina del prodotto, questa installa nel Mac un elemento nella barra del menu da cui è possibile aprire l’App Seagate Network Assistant. Questa permette prima la cattura del disco e poi la definizione dei parametri di base, come la rete (se con IP manuale o automatico) e il primo accesso: l’App di per se serve solo un paio di volte, definite le caratteristiche principali per il resto basterà l’interfaccia web (il cui primo collegamento si fa sempre dall’App).

Anche le pagine web di configurazione seguono il design minimalista: pochi menu, una grafica ben organizzata (non proprio modernissima ma funzionale) e una serie di set essenziali. In pratica, una configurazione che non costa più di 5 minuti, e poi ve la dimenticate. Tutto il resto lo si farà copiando i file da e verso il disco direttamente dal Mac, come un volume di rete.

LaCie_CloudBox1