Recensione Arlo GO, telecamera 4G LTE per sicurezza in casa, fuori e in vacanza

In prova Arlo GO, la camera di sicurezza che funzione senza WiFi, ma che si basa su una Sim dati. Ideale per gli ambienti in cui non c'è linea fissa.

Recensione Arlo GO, telecamera 4G LTE per sicurezza in casa, fuori e in vacanza

Sono davvero tante, al giorno d’oggi, le camere di sicurezza domestiche. Alcune di queste sono totalmente senza fili, ma ben poche possono realmente funzionare in assenza di connessione WiFi. Arlo GO è tra queste. Ecco perché.

Prima ancora di vedere la caratteristica principale di questa camera, ossia quella di poter essere utilizzata dovunque, all’interno e all’esterno, in casa o in vacanza anche senza WiFi, valutiamone l’estetica.

A livello di forma non si discosta molto dalle altre camere Arlo già in commercio, salvo essere più larga. Propone una forma davvero particolare, con bordi tondeggianti, soprattutto sulla parte posteriore. La camera gode di uno sportello al cui interno viene ospitata la batteria, oltre ad una MicroSD e ha una Sim dati, obbligatoria per il corretto funzionamento della periferica.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

Sulla parte frontale è ricoperta di plastica nera, mentre per il resto è totalmente bianca. Sulla parte superiore un piccolo tasto che serve per l’abbinamento iniziale, oltre ad un secondo pulsante che serve invece per aprire lo sportello. Sul fondo un classico attacco a vite per fissarla a muro, grazie alla staffa inclusa nella confezione di vendita.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

Dal punto di vista estetico, insomma, non risulta totalmente originale, ed anzi segue l’ormai iconico design scelto da Arlo per molte delle sue camere di sicurezza. Ha dimensioni di circa 10 x 0,52 x 18 Centimetri, con un peso, batteria inclusa, di circa 322 grammi.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

Primo abbinamento

Il primo abbinamento con lo smartphone risulta semplice e intuitivo, anche se abbiamo dovuto insistere qualche minuto in più in una delle fasi di accoppiamento. Ed infatti, dopo aver inserito la SIM dati, è necessario cliccare il pulsante di pairing, e seguire le informazioni che appaiono a schermo sullo smartphone, dopo aver installato l’app di Arlo, disponibile gratis su iOS e Android.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

In una delle fasi è necessario inquadrare il codice QR che appare sul display dello smartphone. Qui, un segnale acustico avvisa l’utente del corretto abbinamento, anche se abbiamo dovuto insistere diverse volte prima di riuscire a impostare la camera correttamente. Evidentemente lo schermo troppo luminoso, o troppo vicino/lontano, hanno impedito un immediato riconoscimento alla camera.

Caratteristiche tecniche

La videocamera di sicurezza Arlo Go Mobile è anzitutto dotata di slot Sim dati e di supporto alle reti LTE 3G e 4G. Questo vuol dire che la camera ha necessariamente bisogno di una Sim per il suo funzionamento, e che dunque non fa affidamento alla rete WiFi di casa. Non propone una doppia modalità di connessione, 4G o WiFi a scelta dell’utente, ma obbliga ad utilizzare una sim con piano tariffario attivo. Chi volesse utilizzarla in casa, dove è sempre disponibile una rete wireless, allora potrà fare affidamento su altre soluzioni, mentre Arlo Go è studiata per chi necessità di un monitoraggio completo in zone in cui non è disponibile il WiFi.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

Integra un sensore con capacità di registrazione a 720p, quindi risoluzione “solo” Full HD, mentre l’autonomia viene affidata ad una batteria da 3660 mAh, che purtroppo assicura verosimilmente circa 10 giorni di utilizzo, ma che naturalmente potrebbe variare a seconda dell’uso effettivo che se ne fa.  Ancora, è dotata di audio a due vie, quindi con possibilità di ascoltare i suoni dell’ambiente in cui insiste la camera, ma anche di sfruttare la camera come vero e proprio interfono per inviare messaggi audio.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

Funziona, ovviamente, anche di notte e in assenza di luce, oltre ad essere impermeabile e quindi adatta per installazioni esterne. Oltre alla registrazione sul cloud, che richiede un apposito piano di abbonamento, è possibile anche registrare i video in locale sulla MicroSD, che comunque non è inclusa in confezione.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

Come già anticipato, per il funzionamento è necessario inserire una Sim con un piano dati attivo. Il produttore dichiara che mediamente, per un uso mensile, viene impiegato meno d 1GB di dati.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

Naturalmente, il versante smart di questa camera permette all’utente di essere avvisato dei movimenti registrati dall’occhio della camera, o dei rumori catturati, tramite notifiche push.

Uso quotidiano

Arlo Go si è sempre mostrata pronta nell’uso quotidiano, senza alcuna incertezza, sicuramente anche grazie al buon segnale di cui godeva la Sim dati. La camera ha sempre rilevato correttamente i movimenti, così come ha sempre riconosciuto anche i rumori sospetti. Le notifiche push sullo smartphone sono sempre risultate precise e veloci.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

La qualità del video raggiunge i 720p, dunque non Full HD, risoluzione che può soddisfare certamente per gli usi indoor, ma che potrebbe non essere poi così sufficiente all’aperto.

La camera è in grado di registrare clip di 10 secondo e mantenerla sul cloud per 7 giorni. Tramite piani di abbonamento extra è possibile prolungare il tempo di permanenza del video sul cloud.

Tra le tante funzioni della camera, davvero apprezzabile e quella di geofencing, che permette di attivarla e disattivarla automaticamente, quando l’utente entra o esce di casa. La funzione di localizzazione non è velocissima, e quando si entra in casa, prima che la camera venga disattivata, arriveranno notifiche per i movimenti rilevati, segnale che la camera richiede un po’ di tempo per disattivarsi in autonomia.

La camera non viene rilevata da IFTTT, mentre è compatibile con l’Assistente Google, che consente di visualizzare il flusso video senza la necessità di aprire l’app Arlo, ma direttamente all’interno dell’app Home.

Conclusioni

La camera Arlo Go ha dalla sua, certamente, la possibilità di funzionare in ambienti esterni privi di WiFi. Facile pensare ad un utilizzo per osservare da dentro e fuori la seconda casa, la villa al mare o di montagna, dove naturalmente è facile che non ci sia una connessione a internet permanente. Certo questo incrementa i costi, perché l’utente dovrà comunque mantenersi un piano dati attivo nella Sim, che comunque risulta essere un abbonamento molto più versatile rispetto ad un abbonamento di linea fissa.

Recensione Arlo GO, la sicurezza domestica anche senza WiFi

La camera funziona davvero bene, ma di certo non è a buon mercato. Nel momento in cui scriviamo è in sconto a 277 euro, una cifra importante, se si considera, ad esempio, che si tratta di una camera “solo” HD. E’ chiaro, il prezzo è giustificato dalla qualità costruttiva e dal suo funzionamento impeccabile, dal fattore impermeabilità. Insomma, la soluzione è ideale per chi non dispone di una connessione WiFi nei luoghi in cui installarla, mentre ovviamente non è preferibile per un normale utilizzo in casa con rete WiFi sempre disponibile: per quello ci sono tanti altri modelli anche all’interno della stessa famiglia Arlo.

PRO

  • Esteticamente piacevole
  • Ben Costruita
  • Materiali solidi
  • Totalmente senza fili
  • impermeabile
  • Funzionamento eccellente
  • Funziona senza WiFi
  • Posizionabile ovunque

CONTRO

  • Prezzo elevato
  • Risoluzione “solo” 720p
  • Autonomia con batteria limitata

Prezzo al pubblico

Arlo Go Costa 277 euro su Amazon e si acquista direttamente a questo indirizzo.