Streaming su Apple TV: l’azienda vuole garantire internet senza interruzioni ai propri utenti

Apple sta trattando con diverse aziende nel tentativo di privilegiare i propri utenti con connessioni più veloci eliminando le interruzioni dovute al buffering dei video in streaming: ci riuscirà?

 Secondo quanto emerso di recente, Apple sarebbe in trattative con Comcast (il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti, nda) nel tentativo di raggiungere un accordo che permetterebbe all’azienda di Cupertino di bypassare la congestione web e consentire prestazioni affidabili e più veloci agli utenti.

In ballo ci sarebbe una nuova Apple TV in grado di offrire contenuti multimediali in streaming; l’obiettivo di Apple è quello di separare il traffico in Internet dei propri utenti dal resto del mondo, in modo da garantire una connessione internet più veloce. Specialmente nelle ore di punta, quando la maggior parte delle persone sono a casa e collegate in internet, le connessioni diventano molto lente, con effetti negativi su tutti quei servizi di streaming video quali iTunes, Netflix, Hulu ed altri. “Apple vuole garantire ai propri utenti una connessione stabile evitando il fastidioso buffer durante lo streaming video sul web, rendendo così il proprio servizio di qualità e trasmettendo lo streaming video dei propri canali come se fosse una normale TV via cavo” emerge dal rapporto.

Lo scorso mese, Netflix -società che offre un servizio di streaming on demand e noleggio di DVD e videogiochi via Internet- ha stretto un accordo con Comcast proprio per aumentare la velocità di connessione dei propri servizi: un accordo che ha fatto arrabbiare moltissimi utenti contrari a questa decisione in quanto sostengono che tutti i servizi disponibili su Internet debbano essere trattati allo stesso modo.

In passato Apple ha già trattato con la Time Warner Cable per una partnership incentrata su un nuovo set-top streaming box che agirebbe similmente ad un decoder via cavo, fornendo contenuti on-demand in tempo reale per tutti i clienti Time Warner attraverso la IPTV (sistema utilizzato per diffondere contenuti audiovisivi attraverso connessioni ad Internet a banda larga, nda); l’obiettivo è quello di trattare direttamente con queste aziende piuttosto che con i proprietari dei contenuti quali ESPN e HBO, nel tentativo di scavalcare le aziende che offrono contenuti via cavo.

Non si sa ancora molto altro a riguardo in quanto, secondo alcune indiscrezioni, Apple avrebbe incontrato non pochi problemi lungo il tragitto. Ad ogni modo un aggiornamento della Apple TV è previsto entro i prossimi mesi: non resta che aspettare per scoprire cosa offrirà il nuovo dispositivo dell’azienda.

Streaming su Apple TV