Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPad Accessori » Teo, il lucchetto di nuova generazione che si sblocca con chiavi virtuali via Bluetooth

Teo, il lucchetto di nuova generazione che si sblocca con chiavi virtuali via Bluetooth

Pubblicità

Appleinsider ha parlato con Gord Duncan, canadese inventore di Teo, (acronimo di “Transferable Electronic Operation”), un lucchetto di nuova generazione per gli armadietti di scuole , istituti, aziende. È una serratura tradizionale che come sempre consente di proteggersi da atti di vandalismo, spionaggio e furti ma con la peculiarità di integrare un circuito integrato Bluetooth a basso consumo energetico sfruttato per la ricezione di “chiavi di apertura digitali” inviate da iPhone, iPad e altri dispositivi simili con Bluetooth.

L’idea è venuta a Duncan visitando la Costa Rica con la sua famiglia, preoccupato da cosa sarebbe potuto accadere se avesse perso le chiavi del SUV noleggiato dal gruppo con il quale viaggiava in una zona remota, pensando che sarebbe stato grandioso avere un meccanismo per bloccare e sbloccare la chiusura.

Tornato a casa Duncan ha cominciato a lavorare alla sua idea mettendosi in contatto con lo studio d’industrial design Form3 per creare un prototipo. Un amico comune ha presentato Duncan a rappresentanti della Heliox Technologies, società di Silicon Valley che crea prodotti ultra-resistenti, come ad esempio computer usati nelle immersioni di profondità per le forze armate degli Stati Uniti d’America.

Con l’aiuto dello studio Form3 e della Heliox, l’obiettivo è stato abbastanza semplice.  “Volevo un design tipo Apple e caratteristiche alla Leatherman” (un brand noto negli USA per strumenti e coltelli multifunzione, lodato da artigiani e appassionati per la qualità costruttiva dei loro prodotti). Sono stati sperimentati vari design, compreso un prodotto che prevedeva l’uso di una lega metallica che si contrae quando una corrente elettrica l’attraversa; l’uso del filo in questione, il Flexinol, è stato poi accantonato dopo le fasi di prototipazione. Si è infatti deciso alla fine di sfruttare un design rettangolare, con una custodia a “L” per contenere l’elettronica e il meccanismo di aggancio (un perno rotante che rimane bloccato quando è impostato nella posizione di chiusura) anziché il classico anello metallico che si aggancia in basso nella cassa come nelle serrature tradizionali.

Duncan dice di aver puntato molto sulla sicurezza e che questa è stata sin dall’inizio una priorità; a suo dire il team che ha lavorato al progetto ha studiato le specifiche dei lucchetti tradizionali, assicurando che il nuovo dispositivo è in grado di sostituire il lucchetto tradizionale in tutti i luoghi possibili dove normalmente questi sono usati. “È un lucchetto a tutti gli effetti, e fa bene quello che fanno anche altre serrature”.

L’elettronica integrata è quello che fa la differenza con altri prodotti. Il software prevede funzionalità per l’invio di chiavi elettroniche; vi trovate in ufficio e a casa qualcuno vi chiede se può usare la vostra bici? Basta inviare una chiave elettronica per consentire l’apertura temporanea del lucchetto. Non mancano idee per il settore delle imprese, con chiavi elettroniche utilizzabili da più dipendenti per l’apertura di una o più serratura, senza la necessità di fornire chiavi fisiche a ciascuno (un sistema centralizzato permette di capire chi ha le chiavi, revocarle, gestirle, ecc.).

Per finanziare il progetto, Duncan chiede contributi sulla piattaforma di crowd funding Kickstater (il noto sito web che permette di contribuire in vari modi a progetti creativi). L’obiettivo è arrivare a 165.000$; al momento, in soli cinque giorni, è arrivato a 30.500$ ma mancano ancora quasi due mesi alla scadenza del traguardo. Se la campagna di finanziamento avrà successo, il prodotto dovrebbe arrivare sul mercato a dicembre di quest’anno.

Per quanto concerne la durata della batteria, sul sito dedicato al progetto si legge che dipende dall’uso e per quanto tempo il Bluetooth rimane “sveglio”. In modalità “a riposo” il dispositivo consuma pochissimo e la durata è garantita almeno per un anno. Dall’app è possibile monitorare lo stato della batteria e questa sarà sostituibile. Se si perde lo smartphone, è possibile ottenere una nuova chiave elettronica; per quanto riguarda la sicurezza, gli sviluppatori affermano che lo standard Bluetooth Low Energy (BTLE) è intrinsecamente sicuro e conforme a standard internazionali specifici; un chipset progettato specificatamente per il dispositivo garantisce maggiore sicurezza.

TE

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

GLi AirPods Pro di 2ª generazione con ricarica USB-C

Per gli Airpods Pro è il minimo storico, solo 219€

Amazon abbassa il prezzo degli Airpods Pro 2 con USB-C, li pagate 219 €, il 21% meno del prezzo Apple e il minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità