Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Curiosità » Tutti vogliono gli occhi del Finder che seguono i movimenti del mouse

Tutti vogliono gli occhi del Finder che seguono i movimenti del mouse

Pubblicità

L’idea di far muovere gli occhi dell’icona del Finder di macOS in modo che seguano i movimenti del mouse è strana, inutile ma divertente, ma non è di certo una novità. Infatti un bel po’ di anni addietro erano molto gettonati dagli utenti dei piccoli programmi inutili ma divertenti: tra le più note di queste “inutility”, svariate permettevano di attivare due occhi nella barra dei menu del Finder di Mac OS classico.

Queste inutility erano disponibili anche per altre piattaforme e sistemi operativi, a partire da Unix e affini, fino ad arrivare alle prime versioni di Windows. Gli occhi in questione seguivano il movimento del puntatore del mouse, un effetto senza alcun senso pratico ma semplicemente divertente.

Lo sviluppatore Neil Sardesai deve aver pensato che l’icona del Finder mostrata nel Dock è un po’ troppo rigida nel suo sorriso, così propone di animare l’aspetto del volto del Finder in base ai movimenti del puntatore del mouse. Attenzione però: non esiste ancora un’app per farlo: la sua è solo un’idea.

Se siete uno sviluppatore annoiato e non sapete cosa fare, ecco un piccolo progetto per far tornare di moda utility quali xeyes che sui sistemi *NIX  permette di visualizzare due occhi che seguono con lo sguardo i movimenti del puntatore del mouse.

L’icona Finder nel dock di macOS cosente di richiamare varie voci: “Nuova finestra del Finder”, “Nuova cartella smart”, “Cerca”, “Vai alla cartella”, “Connessione al server”, richiamare le ultime cartelle aperte e altro ancora. L’idea di rendere mobili gli occhi del Finder per seguire i nostri movimenti del puntatore sullo schermo forse intriga anche perché si ha la sensazione visiva che il Mac ci stia osservando.

Difficilmente però questa idea piacerà così tanto a Cupertino da integrarla direttamente di serie in macOS: forse Apple potrebbe considerare l’idea di impèlementarla ma lasciando all’utente la scelta se attivarla o meno. Tutti gli articoli che parlano di iPhoneiPad e Mac sono disponibili ai rispettivi collegamenti.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

GLi AirPods Pro di 2ª generazione con ricarica USB-C

Per gli Airpods Pro è il minimo storico, solo 219€

Amazon abbassa il prezzo degli Airpods Pro 2 con USB-C, li pagate 219 €, il 21% meno del prezzo Apple e il minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità