fbpx
Home iPhonia Apple Watch Un mese e mezzo con Apple Watch - la recensione seconda parte

Un mese e mezzo con Apple Watch – la recensione seconda parte

C’eravamo lasciati dopo una settimana d’uso di Apple Watch con un filmato e le primissime impressioni d’uso e vi avevamo riferito come ormai l’abitudine a usarlo aveva spazzato via la volontà di avere il polso libero da qualsiasi impiccio. Ovviamente dopo 45 giorni il nostro giudizio sulla batteria rimane lo stesso: 18 – 20 ore d’uso sono il principale impaccio nell’utilizzo di questo oggetto e costringono ad abituarsi a un rito, quello della ricarica, che si aggiunge alla gestione parallela del telefono e impedisce di fatto l’uso dello smartwatch per il rilevamento delle abitudini di sonno. Nella prima parte della recensione avevamo trascurato diversi aspetti e rimandato a una seconda parte con l’uso delle applicazioni per lo sport.

sensoreluxMa è un vero orologio “sportivo”?
Diciamolo chiaramente, a noi il suffisso “Sport” del modello che stiamo utilizzando non pare dedicato a particolari attitudini sportive rispetto agli altri modelli in acciaio o in oro se non per la finitura e una leggerezza (30% in meno di peso) che riguarda anche prezzo, materiali e attitudine di chi lo acquista. Non ci sono caratteristiche particolari che inducano a usarlo per attività “fisiche” rispetto agli altri Apple Watch e neppure le caratteristiche d’impermeabilità sono superiori.

Si tratta di un dispositivo con grado di protezione IPX7 secondo lo standard IEC 60529 e quindi Apple Watch è resistente all’acqua e può essere indossato durante allenamenti intensivi o sotto la pioggia. In definitiva è resistente agli schizzi, ma non è impermeabile oltre all’immersione a un metro di profondità per 30 minuti.  È quindi chiaro che non lo porterete a nuotare con voi salvo che non usiate una particolare custodia da immersione che ancora non è arrivata ufficialmente sul mercato.

Detto questo parliamo invece dei sensori e del software per le attività sportive.

Chi scrive non è purtroppo quello che si può considerare uno “sportivo” ma non per questo non siamo stati in grado sperimentare alcune delle funzioni dell’orologio di Apple che tra l’altro sono tra le poche che funzionano (almeno su OS Watch 1.x) senza la necessità di collegamento di un iPhone 5 o superiore.

Partiamo dal più basso livello della sportività individuale: il supersedentario che passa ore seduto alla scrivania, o peggio ancora sul divano: Apple Watch comunica molto cortesemente con una vibrazione e un sottile avviso che nell’ultima ora non vi siete spostati dalla vostra seduta e v’invita a farlo ricordandovi che almeno 12 ore della vostra giornata dovrebbero essere passate con un minimo di movimento. Dobbiamo dire che il sistema di comunicazione funziona e, almeno nel nostro caso, è stato sufficientemente stimolante per farci sgranchire le gambe, anche se siamo sotto pressione.

Il secondo livello di comunicazione è quello concernente la conta dei passi e delle calorie bruciate, disponibili anche queste nelle applicazioni standard e quindi sempre immediatamente disponibili.

Per fare un confronto l’abbiamo paragonato a un braccialetto Jawbone e a un tracket Fitbit che abbiamo già recensito a suo tempo e dobbiamo dire che la precisione del rilevamento è eccellente così com’è di assoluta eccellenza il rilevamento del battito cardiaco paragonato anche a strumenti di misurazione di classe medica dedicati; per quanto le pulsazioni abbiano una certa variabilità, anche in intervalli di misurazione ristretti lo scostamento della pulsazione non era superiore a 2-3 unità, certamente utile sia per un tracking di controllo durante la giornata (non dimentichiamoci che i rilevamenti vengono sincronizzati sul iPhone con Salute) sia per un controllo immediato durante un allenamento.

Il sistema di rilevamento di Apple è di primordine e in grado di rivaleggiare con qualsiasi altro orologio fitness, ed è ad ogni modo possibile regolare il rilievo della pulsazione con una cadenza in minuti per gestire al meglio il consumo della batteria. L’applicazione Attività su iPhone è sicuramente al top come intuitività, facilità d’uso e la replica delle informazioni di Apple Watch su grande schermo è semplice da consultare.

Allenamento e precisione
Il terzo livello, dedicato a chi fa attività sportiva regolare, è quello dell’App nativa Allenamento che prevede diverse attività fisiche e traguardi da raggiungere in base alle variabili in gioco, così mentre con la bici avremo calorie, km percorsi o minuti in sella nella ellittica, nello stepper e nel vogatore, toglieremo i Km e per tutti avremo anche un allenamento libero senza traguardi che ci permetterà alla fine di rilevare tutti i dati.

IMG_7997

Quando iniziamo il nostro allenamento, dopo un simpatico conto alla rovescia, parte anche il cardiofrequenzimetro e potremo tenere sottocchio il tempo trascorso, il passo, la distanza, le calorie e infine il battito cardiaco: tutte comunicazioni che saranno mostrate girando l’orologio verso di noi.

Se paragoniamo Apple Watch a un fitness tracker di qualità dotato di GPS noteremo però che la precisione del primo è largamente inferiore sopratutto se andiamo a valutare la distanza rilevata rispetto a quella effettivamente percorsa. Questo difetto si trasforma in realtà in un vantaggio giacché stiamo lavorando con un sistema smart: è iPhone che ci viene in aiuto permettendoci di calibrare Apple Watch (che non ha GPS) con i suoi servizi di localizzazione. Apple, infatti, consiglia agli utenti, prima di un allenamento, di portare a termine uno o due percorsi di “calibrazione”.

In pratica per avere il massimo della precisione dovrete effettuare una corsa o camminata veloce di circa 20 minuti all’esterno in un’area con buona ricezione GPS, iPhone in mano o su fascia da braccio e servizi di localizzazione attivati: in questo modo, passi e distanza saranno correlati correttamente e la precisione finale salirà da un 75-80% a un 95-99% aumentando ovviamente con il numero delle calibrazioni effettuate. Già con una prima calibrazione siamo stati in grado di arrivare a un 96% rilevato e questo avvantaggia non solo chi fa corse all’aperto ma anche su tappeti cardio.

L’applicazione Allenamento potrà accontentare moltissimi runner non professionisti: la cosa che manca è il fattore motivazionale su cui sono basate molte buone App legate a fitness tracker di terze parti. Per questo ci si può rivolgere ad applicazioni disponibili su Apple Watch dal suo lancio e in primis a titoli quali Runtastic, RunKeeper, MapMyRun e Nike+ Running. Tra questi sicuramente il più completo è Runtastic che già usavamo su iPhone e che mette a disposizione un completo sistema per il controllo di forma, controllo della musica, dell’accesso alle statistiche e così via, tutto a portata di polso mentre tenete il vostro iPhone in un posto sicuro.

In sintesi l’uso abbinato delle applicazioni sportive portate sul piccolo quadrante combinato con la messaggistica del telefono vi permette di gestire qualsiasi livello di informazione o di privacy: potete decidere quanto e come volete essere connessi o dedicare le vostre energie mentali alla corsa piuttosto che alla comunicazione con il resto del mondo.

Offerte Speciali

iPad Pro 2020 disponibili per l’ordine su Amazon: in arrivo mercoledì 25 marzo

iPad Pro 2020 disponibili su Amazon con spedizione pronta

Su Amazon gli iPad Pro 2020 sono finalmente disponibili per l'acquisto e la spedizione. A casa vostra la metà della prossima settimana
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,345FansMi piace
94,929FollowerSegui