fbpx
Home MacProf Emulazioni, virtualizzazione, Mac e Windows Wacom raccoglie i dati di tutte le app usate su Mac

Wacom raccoglie i dati di tutte le app usate su Mac

Da sempre i dispositivi Wacom sono molto apprezzati da grafici, fotografi, artisti digitali, professionisti e aspiranti tali: pochi di questi però sanno che Wacom raccoglie numerosi dati del computer dell’utente e li invia a un server Google Analytics. Intendiamoci: le note relative alla privacy che l’utente deve approvare in fase di installazione dei software Wacom indicano brevemente l’operazione di raccolta dati e l’invio a Google Analytics, senza precisare però quali e che tipo di dati sono interessati.

Incuriosito da questo dettaglio mancante l’ingegnere software Robert Heaton ha deciso di indagare in modo più approfondito, realizzando un server proxy in grado di interporsi tra il suo Mac e il server ricevente. Una operazione tutt’altro che semplice considerando che tutte le trasmissioni di dati sono crittografate.

Recensione Wacom One, il display con penna davvero per tuttiIn questo modo l’ingegnere ha scoperto che Wacom raccoglie non solo dati tecnici sull’utilizzo del Mac, informazioni tecniche sulle sessioni e sull’hardware della macchina usata, ma anche un registro di tutte le app aperte sul computer, l’orario, il nome del software e, sempre secondo l’ingegnere, una stringa che presumibilmente identifica in modo univoco l’utente.

In termini generali l’invio di dati a un server Google Analytics non costituisce un problema di privacy. Si tratta infatti di un servizio usato da costruttori hardware e sviluppatori software per esaminare in modo automatico dati tecnici aggregati degli utenti, in modo tale che non sia possibile risalire all’identità del singolo. Viene per esempio impiegato per le statistiche d’uso sulle app, per sapere quante volte l’app viene aperta ogni giorno, per quanti minuti viene utilizzata, quante volte compare un errore per tutti gli utenti che usano una determinata funzione o menu.

Recensione Wacom One, il display con penna davvero per tuttiLa ricerca dell’ingegnere, consultabile integralmente da questa pagina, però sembra indicare che Wacom raccolga molti più dati di quanto necessario, sollevando anche dubbi sull’aggregazione delle informazioni e sull’anonimato degli utenti.

In attesa di nuovi dettagli in merito alla vicenda o di risposte ufficiali da parte della società, l’intraprendente ingegnere Robert Heaton dichiara che continuerà a usare la sua tavoletta Wacom, premurandosi però di disattivare la raccolta dati di Wacom Experience Program, suggerendo ad altri utenti di fare lo stesso. Per farlo occorre disattivare la voce Wacom Experience Program all’interno del Wacom Desktop Center.

Tutti gli articoli che parlano di Internet e Privacy sono disponibili dai rispettivi collegamenti.
Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Wacom sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

iPad Pro 2020 disponibili per l’ordine su Amazon: in arrivo mercoledì 25 marzo

iPad Pro 2020 disponibili su Amazon con spedizione pronta

Su Amazon gli iPad Pro 2020 sono finalmente disponibili per l'acquisto e la spedizione. A casa vostra la metà della prossima settimana
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,345FansMi piace
94,931FollowerSegui